Maltrattata, picchiata , insultata e stuprata per lungo tempo dal suo fidanzato di 59 anni che infine avrebbe invitato anche alcuni suoi amici per abusare insieme a loro della giovane. Sono le terribili e scioccanti violenze di cui sarebbe stata vittima per anni una ragazza sarda di 22 anni residente in Gallura che infine si è decisa a raccontare tutto alle forze dell'ordine ponendo fine ai soprusi e facendo scattare una inchiesta della magistratura. Il suo lungo calvario è stato interrotto nel 2017 quando ha lasciato il suo fidanzato denunciandolo per la prima per maltrattamenti e atti persecutori.

Da quel racconto era nata una inchiesta della Procura di Tempio Pausania nei confronti del suo ex che però nei giorni scorsi, come rivela La Nuova Sardegna, ha portato a nuovi sviluppi inattesi sia per quanto riguarda i reati che per le persone coinvolte. Durante la sua audizione protetta davanti al Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Tempio Pausania, infatti, la giovane vittima ha raccontato che dietro quella torbida storia c'erano altri e ancora più gravi abusi. Durante l'incidente probatorio, la giovane ha accusato l'ex fidanzato e tre sui amici di averla violentata. Così l'accusa nei confronti del 59enne ora è anche di violenza sessuale, lo stesso reato contestato anche ai suoi tre amici chiamati in causa, finiti anche loro nel registro degli indagati della Procura sarda. Vista la delicatezza del caso, sulla vicenda sia gli inquirenti che i legali delle parti interessate mantengono il massimo riserbo.