Ad annunciare il nuovo Italian Council, il programma a sostegno della creatività italiana nel mondo, è il ministro Alberto Bonisoli in persona. Uno stanziamento da 1,7 milioni di euro che finanzierà opere d'arte e sviluppo dei talenti (nonché la loro promozione) fuori dai confini nazionali. Da questa edizione poi si potranno presentare domande anche da parte di artisti, curatori e critici per la partecipazione a manifestazioni internazionali, mostre e residenze in tutto il mondo. L'annuncio, a margine dell'evento di presentazione del nuovo Italian Council, promosso dalla Direzione Generale Arte e Architettura Contemporanee e Periferie Urbane:, promoss

Italian Council si rinnova. I nostri artisti devono poter contare sul sostegno del Paese per vedere riconosciuto il proprio talento in tutto il mondo. Nel primo biennio sono stati raggiunti importanti risultati con il finanziamento di 3 milioni di euro e la realizzazione di 34 progetti. Con questo nuovo programma ampliamo ulteriormente la portata del bando per promuovere sia gli artisti che i curatori e i critici.

Con la nuova versione dell'Italian Council, l'ente guidato da Federica Galloni si prefigge di rendere più accessibile, internazionale e aperto a un maggior numero di iniziative il programma che nello scorso biennio ha finanziato per oltre 3 milioni di euro e ben 34 progetti. La direttrice generale del DGAAP ha, infatti, dichiarato:

Promuovere l’arte contemporanea italiana all’estero è la nostra missione. Le prime edizioni di Italian Council hanno visto il coinvolgimento di 50 Paesi e di oltre 100 Istituzioni di tutto il mondo. Oggi, con le novità introdotte, vogliamo permettere ai nostri artisti di accedere ancora più facilmente all’ambiente internazionale e miriamo a incoraggiare attivamente lo sviluppo e la riconoscibilità dei nostri talenti in tutto il mondo.

A margine dell'evento, sono stati annunciati gli artisti vincitori della quinta edizione: Francesco Arena, Riccardo Benassi, Filippo Berta, Armin Linke, Antonio Rovaldi, Anita Sieff. Al prossimo bando, in scadenza il 27 maggio 2019, potranno presentare domanda di partecipazione: artisti, curatori, critici, musei, enti pubblici e privati senza scopo di lucro, istituti universitari, fondazioni, comitati formalmente costituiti e associazioni culturali no profit. Ogni progetto dovrà prevedere la collaborazione con realtà internazionali e/o una fase di promozione all’estero.