Durante una gita di un giorno al mare ha ucciso brutalmente un gabbiano che gli aveva rubato delle patatine dalla mano. Per questo motivo John Llewellyn Jones, 64enne gallese, è stato condannato. I fatti sono avvenuti a Weston-super-Mar nel giugno dello scorso anno. Stando alla ricostruzione del tribunale dei magistrati del North Somerset, “il piccolo gabbiano dal dorso nero ha iniziato a volare intorno all’imputato cercando di raggiungere le sue patatine e in seguito è riuscito a togliergliele dalla mano”.

La condanna

L’RSPCA, l’ente di beneficenza che opera in Regno Unito e che promuove il benessere degli animali, ha spiegato che la "reazione" di Jones ha scioccato i presenti, compresi i bambini "mentre i testimoni lo osservavano afferrare il gabbiano per la gamba e abbattere l'animale contro un muro, uccidendolo. Jones si è dichiarato non colpevole del reato ai sensi del Wildlife and Countryside Act 1981, ma i magistrati hanno ascoltato due testimoni e hanno dichiarato che i loro resoconti erano "credibili e convincenti" prima di dichiarare l’imputato colpevole. Jones, di Bishopston Road, Ely, è stato condannato a un coprifuoco di 12 settimane applicabile tra le 20:00 e le 8:00. Gli è stato inoltre ordinato di pagare 750 sterline di costi e un supplemento di 85 sterline per “le vittime”.

Il commento dell'RSPCA, ente protezione animali in Regno Unito

Un portavoce della RSPCA ha detto che i gabbiani sono protetti dalla sezione 1 del Wildlife & Countryside Act 1981 e che l'uomo ha commesso un'offesa uccidendo l'uccello selvatico. Ha aggiunto che Jones ha mostrato "un palese disprezzo per il benessere degli animali" e "si è preoccupato più delle sue  patitine che di quello che le sue azioni hanno fatto al povero gabbiano". “Il suo è stato un modo impensabile e spregevole di trattare un animale solo perché ha fatto cadere le patatine dalla sua mano” ha aggiunto Simon Evans, ispettore della RSPCA.