Una forte grandinata ha colpito questa mattina diverse zone del nord barese, in Puglia, soprattutto la zona tra Monopoli e Polignano a Mare creando un vero e proprio effetto neve. La cittadina barese che ha dato i natali a Domenico Modugno in pochi minuti è stata coperta da una coltre spessa di bianco. Sono caduti chicchi grossi di grandine di 2 o 3 centimetri. Un fenomeno climatico improvviso e imprevisto che subito ha spinto tanti cittadini a pubblicare le loro foto e video sui social, anche nel gruppo pubblico su Facebook “Polignano d'Amare”. La grandine, stando a quanto riportano i quotidiani locali, ha causato anche qualche disagio sulla statale 16, in particolare nel tratto tra Polignano a Mare e Monopoli. E quanto accaduto stamattina non è che l’inizio di un’ondata di maltempo secondo gli esperti meteo. Già dal pomeriggio, infatti, i meteorologi prevedono un peggioramento con temperature in picchiata e nevicate sopra i 100-1200 metri.

Grandine a Monopoli e Polignano a Mare, l'allarme di Coldiretti Puglia

Coldiretti Puglia lancia intanto l’allarme per l'abbassamento repentino della colonnina di mercurio che può portare a eventi di violenta intensità: “Sono eventi estremi per cui il meccanismo della declaratoria di calamità naturale e del Fondo di solidarietà naturale, così com'è strutturato, non funziona”, è quanto denuncia il presidente Savino Muraglia. “Le gelate che hanno falcidiato l'olivicoltura pugliese a febbraio e marzo scorsi – ha aggiunto il presidente di Coldiretti Puglia – hanno avuto effetti devastanti sulla produzione olivicola e olearia, soprattutto nelle province di Bari, Bat e Foggia, e nubifragi e trombe d'aria nelle province di Brindisi, Taranto e Lecce hanno lasciato le campagne devastate con una conta dei danni che supera i 600 milioni di euro”. Secondo Coldiretti, lo sbalzo termico “è l'ennesima anomalia di un 2018 segnata da un andamento climatico anomalo con caldo, siccità alternati a violenti temporali che hanno causato danni di oltre un miliardo e mezzo all'agricoltura”.