Una giovane donna di 36 anni ha preso in giro i suoi familiari, senza farsi alcuno scrupolo: ha finto di avere il cancro al cervello, per ottenere soldi dai parenti e da benefattori. Jasmin Mistry ha detto a tutti di avere solo sei mesi di vita, dopo che i medici le avevano diagnosticato un cancro il cervello. Una truffa in piena regola, che ha curato nei minimi dettagli: ha utilizzato anche una sim, in cui si è auto inviata dei messaggi di un presunto medico, che diceva che per lei poteva esserci una chance di vita, se si fosse fatta curare negli Stati Uniti.

Non si è preoccupata di lasciare i suoi cari in uno stato di perenne ansia e angoscia, pur di convincerli a darle il denaro. La donna di Loughborough, nel Regno Unito, aveva detto di avere un cancro alla spina dorsale, che si era ormai esteso al cervello. La vicenda è cominciata nel 2013 e per 4 anni ha mantenuto l'inganno, ricavando oltre 250 mila euro, spesi però in beni di lusso e viaggi.

Secondo quanto riporta la stampa locale, la donna riusciva a simulare perfettamente vomito, malessere, sangue nelle feci, facendo sembrare grave le sue condizioni fisiche. Dopo un po' il marito ha iniziato ad insospettirsi e ha mostrato una radiografia della moglie a un dottore, che ha immediatamente capito che si trattava di un'immagine presa da Google. L'uomo ha quindi smascherato l'inganno, sbugiardando la donna e chiedendo il divorzio: "Psicologicamente ed emotivamente, è qualcosa da cui non mi riprenderò mai", ha dichiarato, "È qualcosa che non augurerei a nessuno". Ora la donna è in attesa di giudizio dopo il processo.