Doppietta italiana nella 15a tappa del Giro d'Italia 2019, 232 chilometri da Ivrea a Como. A trionfare sul traguardo della città lombarda è stato Dario Cataldo del team Astana, che ha battuto in volata il compagno di fuga Mattia Cattaneo (Androni Giocattoli-Sidermec). Giornata positiva per Vincenzo Nibali che grazie ad un attacco nel finale ha guadagnato circa 40 secondi sullo sloveno Primoz Roglic che ha dovuto fare i conti con una brutta caduta in discesa, arrivando sul traguardo grazie alla bici di un compagno di squadra.

Dario Cataldo vince la 15a tappa del Giro d'Italia 2019

E' Dario Cataldo il vincitore della 15a tappa del Giro d'Italia 2019. Il ciclista abruzzese classe 1995 si è imposto sul traguardo di Como, vincendo la volata con il compagno di fuga Mattia Cattaneo, della Androni Giocattoli-Sidermec, con il quale era scattato dal 15° chilometro. Terzo Simon Yates, davanti a Richard Carapaz che ha confermato il suo ottimo momento di forma mantenendo la maglia rosa. Giornata positiva per Vincenzo Nibali che è scattato sul Civiglio, allungando su uno dei grandi favoriti  Primoz Roglic. Lo sloveno infatti vittima di una foratura e di una caduta in discesa ha accumulato un ritardo di 40"dallo Squalo

Nibali, prosegue il duello con Roglic

Ai microfoni della Rai, Vincenzo Nibali ha commentato la tappa, riservando anche una stoccata al suo principale antagonista Roglic: "Oggi è stata una giornata molto dura, mi sono mosso quando il ritmo era alto ed eravamo già rimasti in pochi. Alla fine della seconda settimana le energie sono quelle che sono, per tutti, a parte per Damiano. Gli scappa la gamba, devo tenerlo a freno. Abbiamo lasciato troppo spazio a Carapaz, è stato un errore mio ma soprattutto di Roglic, che in gara mi ha fatto uno di quegli scherzetti che si facevano da allievi, quando non volevi tirare, non ho mai visto fare certi azioni tra i professionisti. Comunque quel che è fatto è fatto, Primoz chiaramente ha la crono finale dalla sua parte, ma se si basa solo su di me, la corsa si apre a tanti altri pretendenti. Io per natura non sottovaluto mai nessuno, tengo tutti gli avversari in grande considerazione. Yates si sta riprendendo e cercherà di rientrare in classifica, Ho grande rispetto per Roglic e Carapaz, che ha già vinto due tappe in questo Giro. L'assenza del Gavia può cambiare la corsa, ma la settimana che viene ci presenterà comunque tante salite e altri attacchi. Ci faremo trovare pronti". 

La classifica generale del Giro d'Italia 2019

1 Richard Carapaz (Movistar) 64h 24’ 00”
2 Primoz Roglic (Team Jumbo-Visma) +47”
3 Vincenzo Nibali (Bahrain-Merida) +1’47”
4 Rafal Majka (Bora Hansgrohe) +2’35”
5 Mikel Landa (Astana) +3’15”
6 Bauke Mollema (Trek-Segafredo) +3’38”
7 Jan Polanc (Team Emirates) +4’12”
8 Simon Yates (Mitchelton-Scott) +5’24”
9 Pavel Sivakov (Team Ineos) + 5’48”
10 Miguel Angel Lopez (Astana) +5’55”