Un sostegno economico concreto a coloro che adotteranno cani ospitati nel canile. A mettere a punto l'iniziativa è stata l'amministrazione comunale di Genova, che ha intenzione di improntare le risorse extra arrivate da donazioni di privati proprio a beneficio del canile di Monte Contessa. "La somma che contiamo di utilizzare per questa iniziativa è circa 200 mila euro, tutti da donazioni, e il contributo, una tantum, sarà di circa 250 euro per chi adotterà un cane" ha spiegato al Secolo XIX l’assessore comunale Matteo Campora. "Questi soldi – ha aggiunto – dovranno essere usati per le spese sanitarie, a cominciare dai vaccini obbligatori, dietro presentazione di fattura. Ma stiamo pensando anche di organizzare dei corsi per insegnare a chi adotta come comportarsi con i cani. Le modalità verranno definite assieme al comitato tecnico scientifico nelle prossime settimane, mentre la delibera di indirizzo probabilmente sarà approvata in giunta già questa settimana". Solo all'indomani dell'ok definitivo e dopo aver definito tutte le modalità tecniche, quindi, si potrà cominciare con l’erogazione dei contributi.

Ad oggi, i cani ospitati nella struttura di Monte Contessa sono 122, anche se solo una parte di questi sono adottabili, visto che alcuni sono pericolosi e altri sono oggetto di provvedimenti di sequestro giudiziario. "In questo momento abbiamo ben 45 pitbull e non è facile dare in adozione un pitbull", ha  spiegato Gilda Guardascione, presidente dell’associazione Una che gestisce il canile comunale.