Dovrà pagare una multa di oltre duemila euro “per colpa” della voglia di fumare, nonostante si trovasse su un aereo. Protagonista della vicenda è un turista lombardo di 47 anni che martedì scorso ha preso un aereo della compagnia low cost irlandese Ryanair per raggiungere, da Bergamo, la città di Alghero. E durante il viaggio non ha resistito alla voglia di fumare per cui è andato in bagno e si è acceso una sigaretta. Il viaggiatore ha fumato voracemente per qualche secondo e poi è tornato a sedersi. La trasgressione dell’uomo è non sfuggita però al personale di bordo: successivamente sono state infatti le hostess a trovare il mozzicone di sigaretta nel bagno e ad avvertire immediatamente il comandante del volo.

Multato, ma ha evitato la denuncia – E così per il viaggiatore col vizio del fumo è scattata la multa. L’uomo, arrivato all’aeroporto di Alghero, ha trovato ad aspettarlo gli agenti della Polaria che lo hanno multato per aver violato l’articolo 1213 del codice della navigazione. Da quanto si è appreso, il passeggero non avrebbe fatto alcuna obiezione accettando la multa con rassegnazione. Se lo stesso fumatore ha evitato la denuncia è perché il sistema che rileva la presenza di fumo a bordo, solitamente molto sensibile, non ha segnalato nulla. Nel caso in cui l’allarme fosse entrato in funzione la trasgressione del turista avrebbe avuto, infatti, conseguenze ancor più gravi.