La grande festa sugli Champs-Élysées per la Francia Campione del Mondo si è trasformata in un campo di battaglia: decine di teppisti – alcuni a volto coperto -hanno fatto razzia, e sfondato le vetrine, in un popolare negozio nei pressi dell'Arco di Trionfo, dove poco prima erano stati proiettati i nomi dei calciatori eroi dell'impresa di Mosca e il tricolore bleu-blanc-rouge. Gli agenti hanno replicato con i gas lacrimogeni e la folla è stata dispersa nella parte alta del viale. La francese scrive che diversi giovani hanno fatto irruzione nel Drugstore rubando di bottiglie di vino e champagne. Dopo circa 15 minuti sono stati sgomberati dalla Polizia in assetto antisommossa. Lo stesso è accaduto nel vicino bar dell'esercizio commerciale. Poco prima di mezzanotte, la prefettura ha deciso di sgomberare gli Champs-Élysées disponendo anche l'utilizzo di idranti. Più tranquilla, invece, la situazione a Place de la Concorde, dove non si sono registrati episodi di violenza. Secondo quanto riferito dal prefetto di polizia, Michel Delpuech, sono 90 le persone fermate nella notte. In totale, ha aggiunto sono tra "12 e 15 i negozi" danneggiati dai casseurs. "Vista la folla presente, malgrado derive inaccettabili, si tratta di un bilancio piuttosto moderato", ha commentato Delpuech.

Due morti durante festeggiamenti, scontri anche a Lione

Non solo Parigi, però, ha vissuto momenti di alta tensione. Incidenti, scontri e lacrimogeni anche nel centro di Lione e, in misura minore, a Rouen e Mentone. Circa 110.000 agenti sono stati mobilitati dal ministero francese dell'Interno per garantire la sicurezza di questo particolare fine settimana francese. Da registrare durante i festeggiamenti anche due morti. Il primo ad Annecy, dove un uomo di 42 anni è annegato dopo essersi tuffato in uno dei canale; il secondo a Saint-Felix, dove, per la felicità per la Francia Campione ha portato un uomo a perdere il controllo della sua auto e schiantarsi contro un albero. Feriti anche tre bambini.