A Montecitorio imprenditori in mutande contro Equitalia

Un gruppo di imprenditori appartenenti a diverse associazioni si è messo letteralmente in mutande, come gesto di protesta, davanti a Montecitorio per chiedere l'immediato commissariamento di Equitalia e presentare la raccolta di firme per il referendum abrogativo presentato in Cassazione.
La-protesta-degli-imprenditori-a-Montecitorio
A Roma per chiedere l’immediato commissariamento di Equitalia e presentare la raccolta di firme per il referendum abrogativo presentato in Cassazione.
Contro-Equitalia-e-il-fisco-che-li-ha-ridotti-in-mutande
Così alcuni imprenditori, davanti Montecitorio, si sono presentati senza pantaloni per rendere l’idea di quella che è la loro situazione.
Imprenditori-appartenenti-a-diverse-associazioni
C’erano quelli di “Cobas Imprese” e il movimento politico “Io Cambio”. Angelo Alessandri, segretario di Io Cambio: “Vogliamo diventare lo strumento di lotta perenne finché il Parlamento non cambia le cose”.
Imprenditori-in-difficoltà
Il presidente di Cobas Imprese, Giuseppe Graziani, ha spiegato il senso della protesta: \"Gli imprenditori sono rimasti in mutande, abbiamo depositato in Cassazione il quesito referendario per l\'abolizione della legge che istituisce Equitalia. Riteniamo sia il caso di fare una struttura che recuperi le tasse in maniera meno veemente per non dire in maniera meno criminogena, stanti i suicidi che si verificano e si sono verificati nell\'ultimo anno e mezzo\".
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni