Un nuovo incidente sul lavoro si è verificato questa mattina a Firenze, dove un uomo di 58 anni è morto mentre stava eseguendo il gonfiaggio di una gomma di un pullman in un deposito in zona Osmannoro. Stando a una prima ricostruzione l'addetto sarebbe stato colpito a morte alla testa dall'improvviso distacco della ‘pistola' utilizzata per gonfiare gli pneumatici. Lo strumento gli sarebbe sfuggito di mano nel corso di un'operazione solo all'apparenza banale, ma in realtà non priva di pericoli. L'oggetto metallico l'ha violentemente colpito al capo. Sul posto, in via Sacco e Vanzetti, sono intervenuti 118 per il soccorso sanitario e polizia per i rilievi dell'incidente. L'uomo sarebbe deceduto subito.

Sono in corso accertamenti per stabilire cosa possa essere accaduto: secondo una prima ipotesi l'incidente mortale potrebbe essere seguito a un malore avuto dall'uomo mentre gonfiava la gomma. E' quanto emerge da una ricostruzione della polizia nel luogo dove è avvenuta la tragedia. Stando a quanto emerso, l'addetto si sarebbe accasciato mentre operava con uno strumento per il gonfiaggio della gomma e cadendo avrebbe riportato anche un trauma cranico evidente. Da una prima ricostruzione del 118 risultava anche che il 58enne fosse stato colpito dall'improvviso distacco della pistola pneumatica con cui si gonfiano le gomme. Per chiarire ogni dubbio sulle cause del decesso verrà disposta l'autopsia.