Manette in Procura a Lecce: il pubblico ministero salentino è stato arrestato stamattina su disposizione del giudice per le indagini preliminari di Potenza nell’ambito di un’inchiesta della Procura della Repubblica del capoluogo lucano su favori e prestazioni sessuali ottenuti dal magistrato. Gli inquirenti hanno disposto inoltre il sequestro di un’imbarcazione e di oltre 18mila euro nei confronti dello stesso magistrato, “in quanto profitto del reato di corruzione” e di una piscina, oggetto di un procedimento penale.

Nella stessa inchiesta che ha portato all'arresto di Emilio Arnesano il gip di Potenza ha posto agli arresti domiciliari altre quattro persone. Si tratta di tre dirigenti dell’Asl di Lecce – Ottavio Narracci, direttore generale, e due dirigenti, Giorgio Trianni e Giuseppe Rollo – e dell’avvocato Benedetta Martina. Inoltre, è stato ordinato il divieto di dimora a Lecce dell’avvocato Salvatore Antonio Ciardo.

Nei confronti degli indagati le accuse sono di corruzione in atti giudiziari, induzione a dare o promettere utilità a pubblico ufficiale e abuso di ufficio.