Abu Bakr al Baghdadi è ancora vivo? Il sedicente Stato islamico ha diffuso un nuovo audio attribuito al suo leader, in passato più volte dichiarato ucciso o ferito (mai però la notizia ha trovato conferma). A dare notizia del nuovo audio diffuso dall’Isis è il gruppo Site, che monitora le attività online dei terroristi. La direttrice di Site, Rita Katz, riferisce che il messaggio attribuito a al Baghdadi si intitola “Give Glad Tidings to the Patient” e dura 54 minuti. L'audio è stato pubblicato sulla piattaforma social Telegram su un account legato all’organizzazione terroristica in occasione dell'Eid al-Adha, la festa musulmana del sacrificio che segna la fine dello Hajj, il pellegrinaggio annuale a La Mecca, e giunge in un periodo in cui il Califfato è in forte difficoltà sia in Iraq che in Siria, avendo perso molto del territorio conquistato. Nel nuovo messaggio Abu Bakr al Baghdadi invita i suoi seguaci a “resistere” e a proseguire nella “jihad” contro i nemici del Califfato nero. Sostiene poi che la vittoria non si misura in base ai territori conquistati o persi o in base alla potenza delle armi.

Non è chiaro se la registrazione audio sia recente – “L'Isis diffonde un discorso del leader Abu Bakr al-Baghdadi nel mezzo delle notizie sulle sue condizioni (che vanno da quelle secondo cui è in uno stato vegetativo a quelle secondo cui è stato ucciso)”, scrive Rita Katz su Twitter. Non è ancora chiaro se la registrazione sia recente. Sempre secondo Rita Katz di Site, l'ultimo messaggio audio di al-Baghdadi prima di questo risaliva al 28 settembre del 2017 quando l'autoproclamato Califfo invitava i sostenitori dell'Isis in tutto il mondo ad attaccare “i media miscredenti e i quartier generali delle loro guerre ideologiche”. L’unica apparizione pubblica del leader dello Stato Islamico risale invece all’estate del 2014, quando lo sceicco proclamò da una moschea di Mosul, nel Nord dell’Iraq, la nascita del suo Califfato.