211 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
28 Novembre 2022
10:09

“Rischio malattie in Ucraina senza riscaldamento ed elettricità durante l’inverno”: l’allarme di Msf

L’intervista di Fanpage.it a Karin Ekholm, Emergency Communications Coordinator di Medici senza Frontiere in Ucraina: “Man mano che le temperature scenderanno ulteriormente, la mancanza di un adeguato riscaldamento o elettricità potrebbe peggiorare le condizioni di salute, soprattutto dei più fragili”.
A cura di Ida Artiaco
211 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

"Le temperature scenderanno ancora e questo significa che aumenteranno i rischi soprattutto per i più fragili di contrarre malattie respiratorie, come Covid e influenza. In molte aree riconquistate dagli ucraini gli ospedali sono stati saccheggiati, danneggiati e in alcuni casi totalmente distrutti".

A parlare a Fanpage.it è Karin Ekholm, Emergency Communications Coordinator di Medici senza Frontiere, che in questo momento si trova in Ucraina.

La quale ha raccontato cosa sta succedendo nel Paese a 9 mesi dall'invasione della Russia, con l'inverno ormai alle porte e i continui attacchi nemici alle infrastrutture energetiche, con conseguenti blackout e disagi per il rifornimento di elettricità.

Karin, dove si trova la missione di Medici senza Frontiere al momento?

"In Ucraina attualmente abbiamo squadre con sede a Dnipro, Ivano-Frankivsk, Kharkiv, Kyiv, Lviv, Mykolaiv, Odessa, Poltava, Pokrovsk, Kochubeivka, Kostiantynivka, Kryvyi Rih, Uzhhorod, Kropyvnytskyi, Vinnytsia, Zaporizhzhia e Zhytomyr. Attualmente lavoriamo con circa 133 dipendenti internazionali e circa 580 dipendenti ucraini. Altri si uniscono alla squadra ogni giorno.

Lavorano come personale medico (medici, infermieri); psicologi; logistica e amministrazione; e gestione.Tra i nostri progetti c'è anche quello di un treno medicalizzato gestito da MSF con il quale vengono prelevati pazienti dagli ospedali ucraini sovraccarichi e vicini a zone di guerra attive e trasferiti in strutture con maggiore capacità che sono più lontane dalle zone di guerra attive. Finora abbiamo trasportato 2.010 persone (dal 31 marzo al 4 novembre) in 65 viaggi diversi. Dei pazienti trasportati, il 33% sono stati casi di trauma".

Con l'arrivo dell'inverno e gli attacchi russi alle infrastrutture energetiche, la situazione si fa più complicata per la popolazione. C'è qualche storia particolare che può raccontarci?

"Stiamo già assistendo a diffusi blackout in tutta l'Ucraina a causa degli attacchi alle infrastrutture energetiche – si tratta di bombardamenti totalmente inaccettabili e che avranno un impatto chiaro e visibile sulle salute delle persone e sull'accesso all'assistenza sanitaria.

La temperatura in Ucraina può scendere fino a meno 20 gradi Celsius durante l'inverno – per persone anziane e malate, nonché per coloro con condizioni mediche preesistenti, restare senza riscaldamento può essere fatale. Le interruzioni di corrente spesso significano anche che non c'è acqua corrente, il che può avere un impatto immediato sulle persone che non hanno niente da bere e può portare gravi conseguenze alla salute delle persone.

Mentre l'intero paese sta trovando modi per sopportare questa crisi e far fronte allo stress, i blackout rendono più difficile per le persone adattarsi e stabilizzarsi mentalmente".

Quale è la situazione negli ospedali?

Molti degli ospedali più grandi sono stati in grado di funzionare con generatori e sistemi di alimentazione di riserva, ma gli attacchi militari in corso contro le infrastrutture energetiche rendono tutto questo sempre meno sicuro. Per gli ultimi sei mesi, MSF ha lavorato con le strutture mediche lungo le linee del fronte meridionali e orientale, aiutando a costruire la resilienza, installando generatori, pannelli solari e corsi di formazione e forniture di emergenza.

In  molte delle aree recentemente riconquistate dalle forze ucraine, tuttavia, vediamo strutture mediche che sono state saccheggiate, danneggiate e in alcuni casi totalmente distrutte".

Con il freddo aumenta la circolazione dei virus respiratori e di altre malattie. Quale la situazione Covid e influenza?

In alcuni luoghi stiamo assistendo a un aumento delle infezioni respiratorie, tuttavia è troppo presto per dire se è collegato alle interruzioni di corrente. Non abbiamo una panoramica della situazione Covid nel paese".

Cosa vi preoccupa di più in questo momento?

"Man mano che le temperature scenderanno ulteriormente, la mancanza di un adeguato riscaldamento o elettricità potrebbe peggiorare le condizioni di salute. Le temperature fredde aumentano i tassi di mortalità complessivi e la prevalenza di altri malattie, e senza un'adeguata elettricità e riscaldamento, soprattutto le persone anziane saranno suscettibili a complicazioni da malattie croniche, influenza e infezioni respiratorie".

211 CONDIVISIONI
3305 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni