Migliora la situazione del contagio in Italia e si aggiorna in positivo per il nostro Paese la mappa Ue delle zone a rischio tra i Paesi membri stilata ogni settimana dal Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie. Secondo l’ultimo aggiornamento rilasciato oggi, giovedì 22 aprile, nella mappa Ecdc che classifica le zone a maggiore o minore pericolo di diffusione del Coronavirus, solo una Regione italiana rimane in rosso scuro cioè ad alta incidenza di contagio. Tutta l’Italia dunque è indicata in rosso a parte la Valle D'Aosta. Eccezione anche per il il Molise, l’unica regione indicata in arancione e dunque con classificazione di rischio ancora più ridotta vale a dire con incidenza corrispondente nei 14 giorni a un tasso inferiore ai 150 casi per 100.000 abitanti.

Mapa covid Ue: l'Italia migliora

Rispetto alla settimana scorsa dunque migliorano i dati Puglia e Piemonte che nel precedente aggiornamento erano segnate in rosso scuro. Rimane ad alto rischio la Valle d'Aosta. Si tratta di un ulteriore miglioramento anche rispetto alla settimana ancora precedente quando livello nazionale erano ben 7 le regioni colorate di rosso scuro nella mappa covid dell’Ue. Un quando che rispecchia l’andamento della curva dei contagi nel nostro Pese che appare ora in discesa. Come segnalano dall’Ecdc la mappa odierna è influenzata da alcuni ritardi nella comunicazione dei dati da parte della Provincia Autonoma di Bolzano che ha segnalato 10 665 casi aggiuntivi a marzo ma riferiti al periodo antecedente il 15 gennaio.

Mappa covid, la situazione in Europa

La mappa covid Ue, pubblicata dall'ECDC ogni giovedì, non è vincolante ma è a sostegno della raccomandazione del Consiglio europeo su un approccio coordinato alla restrizione della libera circolazione in risposta alla pandemia COVID-19 negli Stati membri dell'UE. Si riferisce ai dati riportati dagli Stati membri dell'UE sul database del Sistema europeo di sorveglianza (TESSy) entro ogni martedì. La mappa si riferisce all'intera Europa dove la situazione rimane sostanzialmente stabile anche se è da segnalare la situazione in lieve peggioramento in Portogallo e nelle zone spagnole limitrofe che sono passate dal colore giallo all’arancione così come un lieve peggioramento in Scandinavia. Migliorano invece le regioni dell’est che passano a rosso da rosso scuro.