Terrore a Kaduna, in Nigeria, dove un gruppo di uomini armati ha fatto irruzione in una scuola privata e sequestrato sei studentesse e due insegnanti. Lo rende noto il quotidiano del paese Premium Times spiegando che gli aggressori hanno preso d'assalto l'Engravers College, una scuola a cui possono accedere sia studenti che studentesse.

Elvis Allah-Yaro, economo della scuola, ha dichiarato al quotidiano che sul posto si è portato un ingente numero di poliziotti e militari e che sono immediatamente scattate le ricerche in tutta la zona, nella consapevolezza che la tempestività sarà determinante per rintracciare nel più breve tempo possibile le vittime del sequestro. La vicenda ha suscitato comunque non poche polemiche: da settimane infatti l'area di Kaduna è interessata da frequenti episodi di rapimenti e conflitti a fuoco, di conseguenza i luoghi più sensibili avrebbero dovuto essere soatantemente presidiati dalle forze di sicurezza.

Non più di una settimana fa, ad esempio, cinquecento persone di tutte le età, e tutte di sesso maschile, sono state salvate dalla polizia che ha fatto irruzione un edificio della città di Kaduna: quando gli agenti sono entrati sono rimasti senza parole nel vederli tutti legati alle catene,  compresi i più piccoli, e con evidenti segni delle torture subite.  Secondo il portavoce della polizia Yakubu Sabo l'edificio ospitava una scuola islamica e sette persone (otto secondo quanto riferisce la Bbc) sono state arrestate: si tratta del responsabile e di sei membri dello staff. "Abbiamo trovato circa 100 studenti, bambini che avevano anche 5 anni, in catene, stipati in una sola piccola stanza".