La perturbazione che ha interessato l'Italia nella prima parte del trascorso weekend ha raggiunto anche l'Africa. Nella giornata di ieri 27 ottobre dei forti temporali si sono sviluppati sul nord del continente nero colpendo soprattutto la Libia. A favorire lo sviluppo dei fenomeni, anche molto intensi, è stato lo scontro fra aria mite presente in loco e aria nettamente più fresca che è affluita da nord.

Chicchi di grandine grossi 10 cm

Una grandinata eccezionale, originata da una supercella temporalesca, ha colpito la zona di Misurata, sul Golfo della Sirte. Chicchi di grandine grossi anche 8-10 centimetri hanno provocato danni ingenti. “Dopo aver attraversato la #Sardegna, l'aria fredda polare marittima si è spinta ulteriormente verso sud e ha raggiunto ieri sera le coste nord occidentali della #Libia accompagnata da una severa linea temporalesca (squall line) che ha prodotto grandinate eccezionali. In particolare a #Misrata, la precipitazione ha assunto in alcuni istanti le sembianze di un bombardamento con chicchi di enormi dimensioni” ha scritto Matteo Tidili su Facebook. Gravi le conseguenze alla vegetazione locale ma anche a diverse automobili e alcuni edifici esposti, con vetri andati in frantumi a causa delle dimensioni terribili della grandinata.

Maltempo anche in Tunisia

Il maltempo ha raggiunto anche l'entroterra tunisino portando temporali di inaudita violenza e grandine sulla città di Medenina. Sono bastate poche ore per fare tantissimi danni ai tetti ed alle automobili. Il brutto tempo ha creato momenti di panico fra i cittadini ma fortunatamente non sono state segnalate vittime.