166 CONDIVISIONI
Guerra in Ucraina
29 Novembre 2022
16:02

La Nato addestra gli ucraini dal 2014: Stoltenberg spiega perché Mosca non è riuscita a prendere Kiev

Il sostegno di alcuni Paesi Nat o a Kiev non è iniziato con l’invasione russa dello scorso febbraio, ma “nel 2014 nel centro di addestramento di Yavoriv dove militari canadesi, britannici e statunitensi hanno addestrato militari ucraini”, lo ha detto oggi il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg.
A cura di Antonio Palma
166 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Ucraina

"Vladimir Putin sta fallendo nella sua brutale guerra di aggressione all'Ucraina" che si è dimostrata invece in grado di resistere perché aveva truppe meglio preparate anche grazie all'addestramento dei Paesi Nato che andava avanti da anni quando è partita l'invasione russa. Lo ha ammesso oggi il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, nel suo intervento alla riunione dei ministri degli Esteri dell'Alleanza atlantica a Bucarest.

Confermando che l'Alleanza non ritirerà il suo sostegno all'Ucraina e invitando i partner a impegnarsi in maggiori aiuti per Kiev in vista dell'inverno, Stoltenberg infatti ha spiegato che il sostegno di alcuni Paesi Nato a Kiev non è iniziato con l’invasione russa dello scorso febbraio, ma "nel 2014 nel centro di addestramento di Yavoriv che è stato bombardato” dove "Ho visto militari canadesi, britannici e statunitensi addestrare militari ucraini".

Per questo, secondo il segretario dell'Alleanza atlantica, quando la Russia ha invaso l'Ucraina, "le truppe ucraine erano molto meglio addestrate e  in grado di contrattaccare".

"Un fallimento di Vladimir Putin" secondo Stoltenberg, che per questo "sta rispondendo con attacchi ancora più gravi alle infrastrutture del gas e per privare gli ucraini di elettricità, acqua e riscaldamento" in modo da "usare l'inverno come arma".

“La NATO continuerà a sostenere l'Ucraina finché sarà necessario. Non ci tireremo indietro", ha aggiunto Stoltenberg nel suo discorso a Bucarest, spiegando che "è nell’interesse di sicurezza a lungo termine dell'alleanza"

"Sappiamo che la maggior parte delle guerre finisce al tavolo negoziale, ma quello che succede lì è inestricabilmente legato a quel che avviene sul campo di battaglia. Quindi, per creare le condizioni per una pace duratura che assicuri che l’Ucraina prevalga come Stato indipendente e sovrano, dobbiamo continuare a fornire sostegno militare all’Ucraina”, ha aggiunto Stoltenberg.

Un impegno che però non significa abbandonare gli altri alleati. "Ci incontriamo a Bucarest in un momento critico per la nostra sicurezza è il messaggio di oggi è chiaro: la Nato è qui, la Nato è vigile. La guerra di Putin non ci ha fatto dimenticare altri partner, come Georgia, Moldova e Bosnia-Herzegovina. Che sosterremo, in modo che possano difendersi" ha concluso infatti  il segretario generale della Nato.

166 CONDIVISIONI
3318 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni