video suggerito
video suggerito

India, caso di influenza aviaria in un bimbo di 4 anni: ricoverato 2 mesi in terapia intensiva

Il bambino, che nel frattempo è guarito ed è stato dimesso dall’ospedale, ha iniziato a sentirsi male alla fine di gennaio ed è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica.
A cura di Davide Falcioni
12 CONDIVISIONI
Immagine

Un caso di influenza aviaria (H9N2) è stato confermato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità in un bambino di quattro anni nella parte orientale dell'India. L'annuncio arriva una settimana dopo che l'OMS ha segnalato un altro caso di malattia in una bimba australiana di ritorno da un viaggio nella parte occidentale del Paese. In una nota diramata ieri, riportata oggi da diversi media indiani, l'OMS ha dichiarato di aver ricevuto la notifica, lo scorso 22 maggio, di un caso di infezione umana da virus dell'influenza aviaria A (H9N2) in un minore residente nello stato del Bengala.

Il bambino, che nel frattempo è guarito ed è stato dimesso dall'ospedale, ha iniziato a sentirsi male alla fine di gennaio ed è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica (ICU) di un ospedale locale a febbraio "a causa di una grave e persistente difficoltà respiratoria, febbre alta ricorrente e crampi addominali". Nonostante inizialmente gli sia stata diagnosticata una bronchiolite e sia stato dimesso, il 3 marzo è stato ricoverato di nuovo nel reparto di terapia intensiva di un altro ospedale ed è risultato positivo all'influenza aviaria (H9N2). Il paziente è stato dimesso solo il primo maggio. Secondo l'OMS, il bambino è stato esposto al pollame nella sua casa e nei dintorni. Tuttavia, non sono stati segnalati sintomi simili della malattia tra i membri della sua famiglia o le persone che gravitano intorno a lui. Si tratta della seconda infezione umana da influenza aviaria nel Paese asiatico, che ha registrato il primo caso umano della malattia nel 2019.

Il caso della bambina australiana di due anni riguarda invece un altro ‘ceppo': le è stato diagnosticato il sottotipo H5N1 del virus. Dopo il ritorno dal viaggio, la bimba è stata ricoverata in ospedale con sintomi influenzali e successivamente è finita in terapia intensiva, ma si è ripresa dopo due settimane e mezzo. Secondo l'Organizzazione Mondiale della Sanità, il virus  si trasmette normalmente tra gli animali, ma è possibile che anche l'uomo si infetti. L'influenza aviaria nell'uomo può causare malattie che vanno da una lieve infezione del tratto respiratorio superiore a malattie più gravi che possono essere fatali. Nelle persone infette sono stati riscontrati anche casi di congiuntivite, sintomi gastrointestinali, encefalite ed encefalopatia. Secondo l'OMS, tra il 2003 e il novembre 2023 sono stati rilevati 880 casi umani di influenza aviaria (H5N1) in 23 Paesi, con un totale di 460 decessi.

12 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views