Savanna McTague (Facebook).
in foto: Savanna McTague (Facebook).

Stava facendo un'escursione con due colleghi nel Parco nazionale di Zion, nello Utah, nel sud-ovest degli Stati Uniti, dove lavorava come guida, quando è improvvisamente scomparsa. Era lo scorso mercoledì quando le unità di ricerca locali sono state allertate e si sono messe sulle tracce della Savanna McTague. Purtroppo, però, la speranza di trovarla viva si è spenta poco più di 48 ore più tardi: il corpo senza vita della ragazza è stato trovato ai piedi del cosiddetto Angels Landing, una formazione rocciosa alta 1.488 piedi, alla quale si accede attraverso un sentiero e che offre una delle viste più mozzafiato su Zion Canyon. Le persone che erano con lei, dando l'allarme, hanno raccontato che era precipitata dopo aver perso l'equilibrio e di lei non avevano saputo più nulla.

Dopo il ritrovamento del cadavere, è arrivata anche la conferma dell'identità della giovane. Savanna era una guida turistica e proprio il giorno della sua scomparsa stava lavorando nel parco di Zion. Stava facendo un'escursione quando ha perso l'equilibrio ed è precipitata, nonostante fosse un'esperta di questa attività, come testimoniano le numerose foto diffuse sui social network. Le autorità hanno anche accertato che le lesioni che ne hanno provocato il decesso erano compatibili con una caduta dall'alto. Tuttavia, sia i funzionari del parco che le forze dell'ordine continueranno a indagare su quanto successo e per ricostruirne la dinamica. "Le nostre più sentite condoglianze vanno alla famiglia e agli amici della McTague", ha detto il sovrintendente del Parco nazionale di Zion, Jeff Bradybaugh, in una nota, aggiungendo che "Savanna faceva parte della famiglia. Questa fatalità è stata particolarmente dura per Zion Lodge e il personale del parco".

La ragazza non è la prima vittima dell'Angeles Landing. Nell'aprile del 2019, un uomo è stato trovato in fondo al sentiero dopo che il suo compagno di gita lo aveva denunciato scomparso. Fu trovato alla base del lato nord del percorso. Prima di lui, una ragazza di 13 anni è deceduta nel 2018 dopo essere caduta dalla parte alta del sentiero e prima ancora lo stesso destino era capitato anche ad un 45enne nel 2017.