239 CONDIVISIONI
Guerra in Libia
27 Settembre 2011
17:22

Gheddafi in un messaggio audio: Voglio morire da martire

Il Rais intende morire da martire nel paese in cui è nato. Questo è quanto comunicato dallo stesso dittatore in una registrazione audio, diffusa dalla radio locale della sua roccaforte di Bani Walid. Un negoziato in corso tra il Cnt e i fedeli di Gheddafi per concedere un salvacondotto alla famiglia del Colonnello.
A cura di Daniela Caruso
239 CONDIVISIONI
Ex dittatore della Libia
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Guerra in Libia

Un messaggio audio di Gheddafi arriva da Bani Walid, una delle ultime roccaforti del Rais, il quale, nella comunicazione diffusa dalla radio locale del posto, afferma di voler morire da martire nella sua terra di origine. Il messaggio è stato prontamente diffuso da Al Libya, attraverso il portale internet dell’emittente, che resta, tutt’ora fedele alle forze del regime. L’ex dittatore si rivolge alle sue fedeli truppe, dichiarando che “Degli eroi hanno resistito e sono caduti come martiri, anche noi attendiamo il martirio” e che “Ogni martire libico è morto per dire no al colonialismo dei francesi e dei britannici che vogliono il petrolio. Noi invece siamo in attesa del martirio”.

Da settimane continuano gli scontri tra le truppe del Rais e quelle dei ribelli, subentrate all’interno della roccaforte gheddafiana. La loro lotta, secondo Gheddafi, riuscirà a dare lustro a ciò che i predecessori hanno fatto, specificando, inoltre, di trovarsi in Libia e in nessun altro luogo: “Attraverso il vostro jihad state per rivivere le imprese dei vostri antenati, sappiate che mi trovo sul campo come voi: mente chi dice che Gheddafi si trova in Venezuela o in Niger, sono in mezzo al mio popolo e i prossimi giorni riserveranno a questa cricca di servi una sorpresa”. Il Consiglio Nazionale di Transizione avrebbe, però, ricevuto una richiesta di trattativa dai lealisti per porre le basi di un’eventuale resa, permettendo, così, l’uscita sicura da Sirte a tutta la famiglia del Rais.

Il comandante del Cnt avrebbe dato la sua autorizzazione all’operazione, per la quale dovrebbero essere deposte le armi e attuato l’allontanamento dalla città. Il negoziato è ancora in corso, ma pare ci siano buone possibilità che vada a buon fine e che venga, dunque, concesso un salvacondotto ai familiari delle tribù ancora fedeli al Colonello. A Sirte stamattina sono caduti quattro proiettili da mortaio nelle vicinanze dei ribelli, proprio nella zona periferica della città. Non si sono registrati né morti né feriti.

239 CONDIVISIONI
Guerra in Libia
6 contenuti su questa storia
Libia, l'account Twitter che diffonde documenti riservati del governo e minaccia i preti
Libia, l'account Twitter che diffonde documenti riservati del governo e minaccia i preti
Libia, 300mila sfollati dalla guerra pronti a partire: l'avvertimento del ministro di Tripoli
Libia, 300mila sfollati dalla guerra pronti a partire: l'avvertimento del ministro di Tripoli
Libia, i boia del Darfur combattono al fianco di Haftar in nome del petrolio
Libia, i boia del Darfur combattono al fianco di Haftar in nome del petrolio
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni