Una giornata di allegria al parco acquatico in un attimo si è trasformata in tragedia per una famiglia britannica quando il piccolo di casa, un bambino di soli 3 anni, è sfuggito ai controlli ed è morto in una delle piscine della struttura. La tragedia si è consumata domenica scorsa in Thailandia dove il piccolo Bobby Watson era in vacanza con i genitori e il fratello più grande di 7 anni. A dare conferma del dramma sono state le autorità locali. Secondo quanto ricostruito, per motivi tutti da accertare, il piccolo Bobby Watson sarebbe scivolato nell'area di arrivo di uno scivolo acquatico al Blue Tree Waterpark di Phuket.

La tragedia nel primo pomeriggio di domenica quando nel parco sono scattate subito le procedute di emergenza. I bagnini presenti sul posto si sono subito tuffati tirando fuori il bimbo e cercando di rianimarlo ma purtroppo per il piccolo non c’è stato nulla da fare. Hanno eseguito diverse manovre rianimatorie su di lui a bordo piscina prima dell'arrivo di un'ambulanza ma quando i paramedici sono accorsi sul posto il bimbo era già esanime. Nonostante il trasporto immediato al pronto soccorso, i medici poco dopo ne hanno dovuto dichiarare il decesso tra lo strazio dei genitori.

La madre ha spiegato alla polizia che il piccolo stava correndo vicino all'acqua a bordo piscina quando è scivolato cadendo nell'area di atterraggio di uno scivolo profonda circa 120 centimetri. Il personale ha detto che il piccolo era stato trascinato sul fondo della piscina perdendo coscienza. I soccorsi hanno provato una respirazione bocca a bocca prima del trasporto all'ospedale Talang in ambulanza dove è stato dichiarato il decesso