156 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Agosto 2022
12:00

Covid, l’incubo dei turisti intrappolati a Sanya in lockdown: “È come giocare alla roulette russa”

Continua l’incubo Covid per gli oltre 80mila turisti bloccati a Sanya, dove le autorità hanno dichiarato il lockdown dopo lo scoppio di un focolaio Covid. Solo ieri sono stati cancellati oltre 400 voli: “Questa situazione in futuro è insostenibile”.
A cura di Ida Artiaco
156 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Quella che doveva essere una vacanza da sogno si è trasformata in incubo per gli oltre 80mila turisti che restano letteralmente intrappolati a Sanya, sull'isola cinese di Hainan.

Qui, infatti, a causa di una impennata dei casi Covid dovuta alla massiccia circolazione di una subvariante di Omicron, la BA.5.1.3, le autorità hanno dichiarato il lockdown, con la maggior parte dei voli in partenza e in arrivo sospesi o cancellati, mentre si può lasciare la città solo dopo aver ottenuto un esito negativo a cinque tamponi effettuati nell'arco di una settimana.

Circa 1.200 persone sono risultate positive al Coronavirus a Sanya dal 1 agosto. Si è anche diffusa in una dozzina di altre città e contee in Hainan, infettandone altre 200. Si tratta di una situazione estremamente grave per le autorità locali, da sempre impegnata nella politica zero-Covid, che mira a soffocare rapidamente le riacutizzazioni della pandemia con blocchi rapidi, test di massa, ampia tracciabilità dei contatti e quarantena.

Per questo, i trasporti pubblici sono stati sospesi, gli spostamenti delle persone all'interno della città sono stati limitati ai servizi di emergenza e i collegamenti di trasporto sono stati interrotti.
Solo nella giornata di ieri, lunedì 8 agosto, l'aeroporto di Sanya ha cancellato tutti i suoi 418 voli, secondo il sito di monitoraggio dei voli Variflight. Anche tutti i treni in partenza dalla città sono stati cancellati, ha detto sabato l'emittente statale CCTV.

E la situazione non migliorerà di certo nei prossimi giorni, con la rabbia dei vacanzieri che aumenta sempre di più. In rete circolano molti video che mostrano passeggeri bloccati in aeroporto chiedere a gran voce di tornare a casa.

Per molti turisti, la più grande preoccupazione è capire se potranno partire effettivamente dopo sette giorni. Temono che il lockdown possa essere esteso se il numero dei contagi aumenterà nonostante le restrizioni.

"Questa situazione in futuro è insostenibile", ha detto un turista intervistato dalla CNN, che ha chiesto di rimanere anonimo. "È un po' come la roulette russa su dove vai e se quell'area verrà bloccata o meno". Per molti viaggiatori attenti alle restrizioni Covid del Paese, Hainan era stato considerato un luogo sicuro perché in passato aveva segnalato pochissimi casi.

Non è la prima volta che si verifica per altro una situazione del genere. Anche altre località turistiche cinesi sono stati recentemente colpite da blocchi improvvisi. Il mese scorso, più di duemila turisti sono rimasti intrappolati nella località turistica di Beihai, nel sud della Cina, dopo che è stato imposto un lockdown per oltre 500 infezioni Covid.

156 CONDIVISIONI
31872 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni