346

condivisioni

CONDIVIDI
7 Giugno 2021 23:22

Canada, investe una famiglia di 4 persone perché di fede islamica: arrestato 20enne

Quattro persone sono state uccise da un veicolo in corsa in Ontario. Le vittime erano di fede islamica e secondo la polizia il 20enne che le ha uccise avrebbe agito proprio spinto dall'odio verso la religione delle quattro. Soltanto un bambino di 9 anni è sopravvissuto all'attentato ed è ora ricoverato in gravi condizioni in ospedale.
A cura di Gabriella Mazzeo

Uccisi da un veicolo in corsa: le vittime sono quattro persone appartenenti a una famiglia di fede musulmana. Soltanto uno è sopravvissuto a quello che secondo le forze dell'ordine è stato un attacco premeditato. Il tutto si è verificato a London, nell'Ontario, in Canada. "Le vittime sono state prese di mira per la loro religione – ha confermato il capo della polizia Steve Williams -. Chi ha agito, ha ucciso perché aveva davanti una famiglia di fede islamica". Nell'attacco sono morti un uomo di 46 anni e una donna di 44. Con loro anche una donna di 74 anni e una ragazzina di appena 15. Anche un bambino è rimasto tragicamente coinvolto: il piccolo di 9 anni è stato ricoverato in codice rosso a causa delle gravi ferite riportate.

L'autore dell'attentato è un ventenne del luogo, già incriminato per omicidio e tentato omicidio. In questo caso dovrà rispondere della morte di quattro persone e delle gravi ferite riportate dal bimbo di appena 9 anni. Secondo quanto confermato dalla polizia, l'uomo potrebbe essere accusato anche di terrorismo. Il 20enne avrebbe investito la famiglia a bordo di un camioncino che ha lanciato a tutta velocità sul suo target. Per gli agenti, il giovane avrebbe agito dopo un'attenta premeditazione. Probabilmente aveva precedentemente studiato i movimenti dei 4 per progettare il suo attacco. Il 20enne è stato arrestato nei pressi di un parcheggio poco lontano dal luogo della tragedia. Condotto in carcere sarà interrogato nelle prossime ore. "Questi esseri umani innocenti sono stati uccisi in quanto musulmani – ha dichiarato Nawaz Tahir, rappresentante della comunità islamica di London -. Saremo forti contro l'odio, non abbiamo intenzione di cedere. Non faremo vincere l'islamofobia e il terrorismo: combatteremo con la fede, con l'amore e con la ricerca della giustizia". "Si tratta di un atto di vero e proprio terrorismo – ha scritto il sindaco di London Ed Holder in una dichiarazione ufficiale rilasciata via Twitter -. Questo atto di islamofobia deve essere perseguito con la legge e seguito da atti di umanità".

Continua a leggere su Fanpage.it
Cuba, decine di persone arrestate durante le proteste: governo dell'Avana punta dito contro gli USA
Notte di paura a Rimini, incendio al Jammin' Hostel: evacuate 30 persone, 4 in ospedale
Canada, scoperte altre 160 tombe di bambini indigeni in una ex scuola cattolica
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni