Insieme a centinaia di altri sostenitori del Presidente Usa Donald Trump, aveva assaltato la sede del Congresso Usa a Washington entrando nel Parlamento in tenuta militare con elmetto e manette e uscendone poi indisturbato ma a mascherarlo è stata la ex moglie che lo ha visto in uno dei tanti video circolati dopo l’irruzione e ha deciso di segnalarlo all’Fbi. È la storia di Larry Rendell Brock, veterano dell’Air Force americana ora a riposo arrestato nelle scorse ore  in Usa insieme ad altri protagonisti dell’assalto al congresso Usa.

Brock deve rispondere di ingresso permanenza volontaria in edificio o terreno soggetto a restrizioni senza legittima autorità e di condotta violente sul terreno del Campidoglio. L’uomo, originario del Texas indossava un elmetto militare verde, un gilet militare tattico e abiti mimetici oltre a fascette che vengono utilizzate dalle forze dell'ordine per trattenere soggetti arrestati. In una dichiarazione le autorità hanno rivelato che fondamentale per identificare l’uomo è stata la testimonianza di due informatori.

Un testimone ha racontato alla Cnn che uno di loro è l‘ex moglie di Brock che ha chiamato l'FBI l'8 gennaio dopo averlo visto in una foto che era diventata virale, secondo i documenti del tribunale. "So solo che quando ho visto cosa stava succedendo ho avuto paura. Penso che voi già sappiate che era lì. C’è una sua foto e un video e lo riconosco” a dichiarato la donna agli investigatori, secondo dettagli nella dichiarazione giurata. Anche una seconda persona però lo ha riconosciuto e ha telefonato all'FBI. Brock, tenente colonnello a riposo, era un ufficiale dell’aeronautica. Ha servito come pilota fino al 2007 e si è ritirato nel 2014.

Cona lui arrestato per le stesse accuse anche un altro manifestante pro Trump che appariva in mimetica e abiti militari ma col volto coperto da passamontagna. Si tratta di Eric Gavelek Munchel, un uomo originario del Tennessee a sua volta identificato attraverso foto e video che lo raffiguravano all'interno del Congresso Usa.  Come ha spiegato la polizia, a aveva attrezzatura paramilitare, un oggetto in una fondina sul fianco destro e un cellulare montato al petto con la telecamera rivolta verso l'esterno, apparentemente per registrare gli eventi di quel giorno.