L’esodo estivo verso le mete di vacanza coincide, anche quest’anno, con prezzi della benzina in aumento. Tornano infatti a salire i prezzi consigliati dei carburanti alla pompa, dopo il rialzo messo a segno giovedì scorso da Q8, mentre le quotazioni dei prodotti raffinati, dopo cinque sessioni al rialzo, hanno chiuso ieri in calo. Stando alla consueta rilevazione di Staffetta Quotidiana, questa mattina Tamoil ha ritoccato al rialzo di 1 centesimo i prezzi raccomandati di benzina, diesel e gpl, mentre le quotazioni dei prodotti petroliferi in mediterraneo ripiegano leggermente a valle dei rialzi delle ultime sedute.

Le medie dei prezzi praticati comunicati dai gestori all'Osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo economico ed elaborati dalla Staffetta, rilevati alle 8 di ieri mattina su circa 14mila impianti: benzina self service a 1,632 euro/litro (+1 millesimo, pompe bianche 1,612), diesel a 1,504 euro/litro (+1, pompe bianche 1,485). Benzina servito a 1,747 euro/litro (+1, pompe bianche 1,655), diesel a 1,623 euro/litro (+1, pompe bianche 1,529). Gpl a 0,650 euro/litro (invariato, pompe bianche 0,638), metano a 0,963 euro/kg (invariato, pompe bianche 0,953). Per quanto riguarda i prezzi nelle diverse Regioni, il gasolio self è più caro a Bolzano e Trento e in Friuli Venezia Giulia. Le Regioni più economiche sono Molise, Campania e Marche. La “classifica” viene stilata sulla base del prezzo del gasolio perché in diverse Regioni è in vigore un'imposta addizionale sulla benzina che "falsa" il confronto. Queste le quotazioni dei prodotti raffinati in Mediterraneo alla chiusura di ieri: benzina a 473 euro per mille litri (-6), diesel a 486 euro per mille litri (-3, valori arrotondati).

A fare il punto della situazione è stato il presidente Carlo Rienzi del Codacons, il quale ha spiegato che “oggi un litro di gasolio costa il 12,4% in più rispetto allo stesso periodo del 2017, mentre per la benzina si spende mediamente il 9% in più. Questo significa che per un pieno ad una autovettura di media cilindrata ogni automobilista deve mettere in conto una maggiore spesa di 8,3 euro per il gasolio e di 6,75 euro per la verde, con un impatto evidente per chi durante le vacanze si sposterà in automobile”.