Il 98,3% degli studenti della scuola Secondaria di I grado è stato ammesso all’Esame di Stato per l'anno 2017/2018 e il 99,8% lo ha superato conseguendo il diploma. Sono i dati diffusi oggi  dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca con l’approfondimento statistico relativo agli esiti dell’Esame di Stato e degli scrutini del scuola media. Secondo il report del Dicastero si tratta di numeri che confermano una tendenza ininterrotta dal 2010/2011. Per quanto riguarda gli ammessi all'esame, infatti,  erano il 98% nel 2016/2017 e il 97,6% nel 2015/2016 mentre nei due anni scolastici precedenti il numero di diplomati con licenza media si è attestato sulla stessa percentuale del 99,8%.

Per quanto riguarda la distribuzione regionale, il dato sui promossi all’Esame di scuola media è abbastanza omogeneo. Sardegna, Valle d’Aosta, Sicilia e Piemonte registrano un tasso di ammissioni all’Esame inferiore alla media nazionale mentre al contrario Basilicata e Abruzzo si attestano al di sopra del media rispettivamente dello 0,8% e dello 0,6%. Per quanto riguarda i voti, invece, i licenziati con voto sei sono stati il 22,1%, quelli con sette il 28,2%, il 23,7% con otto, il 16,6% con nove, il 5,4% con dieci, il 4% con dieci e lode. Da questo punto di vista la regione con il minor numero di sei è l’Umbria (16,2%), quella con il numero maggiore è la Sicilia (26,3%). All'opposto per il voto più alto la Valle d’Aosta registra il minor tasso di dieci e dieci e lode (5,3%) mentre gli studenti più brillanti risultano essere in Puglia e Calabria che fanno segnare entrambe il  13,5% di dieci e dieci e lode.

Sempre per quanto riguarda i voti, le studentesse hanno ottenuto i risultati migliori. Se il tasso di promozione è sostanzialmente uguale tra maschi e femmine , infatti, bisogna notare che il 58,8% degli studenti ha conseguito la promozione con voto sei o sette mentre  la stessa percentuale delle studentesse ha riportato un voto pari o superiore a otto.