Sta facendo il pieno di condivisioni e commenti un video che arriva dalla Sicilia, che mostra un elettore recarsi negli uffici elettorali per chiedere spiegazioni sul voto di sua madre. Secondo l’uomo, che ha registrato di nascosto il suo colloquio con la funzionaria dell’ufficio, la madre sarebbe allettata e interdetta, essendo anche incapace di muovere gli arti, dunque non sarebbe possibile che abbia chiesto di votare nel seggio speciale allestito nella struttura che la ospita.

Stando alla verifica effettuata dall’impiegata, invece, la donna avrebbe votato nel seggio speciale appositamente costituito per far votare le persone gravemente malate (siamo in provincia di Catania) e avrebbe anche apposto la sua firma. Cosa impossibile, secondo l’uomo, dal momento che la donna non sarebbe in grado di muovere gli arti: la firma sarebbe stata contraffatta a partire da quella presente sulla sua carta di identità. L’uomo ha anticipato la volontà di presentare una denuncia alla Guardia di Finanza, per capire chi sia stato a costituire il seggio speciale e chi abbia materialmente portato al voto sua madre.

La denuncia è stata rilanciata anche dall'europarlamentare Ignazio Corrao, uno dei più impegnati nella campagna elettorale per le elezioni regionali in Sicilia