Tragedia nello sport americano. Il ciclismo a stelle è strisce è in lutto per la morte di Kelly Catlin, apprezzatissima pistard statunitense. La classe 1995 tre volte campionessa del mondo e argento olimpico ai Giochi di Rio 2016 nell'inseguimento a squadre si sarebbe suicidata. A confermare il tutto ci ha pensato il padre della 23enne in una mail, con la conferma in un post sui social da parte del fratello.

Kelly Catlin si è suicidata, ciclismo in lutto

Lutto nel mondo del ciclismo. E' morta a soli 23 anni la la pistard statunitense Kelly Catlin. Nonostante la giovane età la campionessa aveva già collezionato numerosi successi sia a livello individuale che nelle competizioni a squadre. La notizia, data dalla Federazione americana di ciclismo,  è stata ufficializzata dalla famiglia della ragazza e in particolare dal padre e dal fratello Mark che ha confermato la tragica scomparsa sui social network. Kelly Catlin si sarebbe suicidata, e al momento non filtrano indiscrezioni sulle motivazioni del suo gesto. Queste le parole del papà della sfortunata campionessa: "Non passa un minuto che non pensiamo a lei e pensiamo alla vita meravigliosa che avrebbe potuto vivere. Non c'è un secondo in cui non daremmo spontaneamente  la nostra vita in cambio della sua. Il dolore è incredibile".

Chi era Kelly Catlin

Una carriera brillante quella di Kelly Catlin tra le migliori interpreti del ciclismo su pista della sua generazione. Con la squadra statunitense aveva vinto tre titoli Mondiale consecutivi e l'argento olimpico in occasione dei Giochi di Rio del 2016 nell'inseguimento a squadre. La 23enne non ha peso parte all'ultima rassegna iridata in Polonia, esclusa dalla rappresentativa statunitense. Una ragazza considerata un vero e proprio esempio visto che oltre ad eccellere nello sport, collezionava successi anche negli studi presso l'Università di Stanford confrontandosi con la facoltà di Ingegneria meccanica