A partire da lunedì 16 aprile sarà possibile accedere alla dichiarazione dei redditi precompilata, sia per il 730 che per il modello Redditi. Per farlo esiste un servizio dedicato dell’Agenzia delle Entrare a cui si può accedere attraverso le credenziali Spid, Fisconline, Entratel, pin dispositivo Inps, NoiPa e altre ancora. A partire da questa data il contribuente dovrà stare attento ad alcune scadenze: ecco tutte quelle che è necessario conoscere.

Come detto, si parte il 16 aprile, giorno in cui sarà possibile accedere al 730 precompliato. Da mercoledì 2 maggio, invece, si potrà accettare, modificare e inviare il 730 all’Agenzia delle Entrate grazie alla apposita applicazione online. Si potrà anche modificare il modello Redditi. Si passa così a giovedì 10 maggio: da quel giorno sarà possibile inviare il modello Redditi precompilato: questa operazione va effettuata entro il 31 ottobre.

Il 24 maggio sarà invece possibile inviare il modello Redditi aggiuntivi del 730 con il frontespizio e i quadri Rm, Rt e Rw e il modello Redditi correttivo per sostituire quello già inviato. Il 730 già inviato può essere annullato a partire da lunedì 28 maggio, presentando così una nuova dichiarazione tramite il sito. Si può comunque annullare il 730 solamente una volta. L’ultima data disponibile per annullare il 730 già inviato è il 20 giugno.

Il 23 luglio sarà l’ultimo giorno per inviare il 730 precompilato all’Agenzia delle Entrate attraverso l’applicazione online. Il 20 agosto, invece, è l’ultimo giorno per versare il saldo con una maggiorazione dello 0,40% e anche il primo acconto per i contribuenti che hanno presentato il 730 senza sostituto d’imposta e sono risultati a debito d’imposta. Entro il 25 ottobre bisogna presentare al Caf o alla persona incaricata il 730 integrativo nel caso in cui l’integrazione comporti un maggior credito, un minore debito o un’imposta invariata. Il modello Redditi precompilato e il modello Redditi correttivo del 730 devono essere inviati entro il 31 ottobre.