Una donna di quarantotto anni, mamma di tre figlie adolescenti, è stata trovata morta lunedì mattina in circostanze misteriose nella casa in cui viveva con la sua famiglia a Freehold, nel New Jersey. Nello stesso giorno è morto anche il marito, che apparentemente si è suicidato lanciandosi da un ponte. La coppia, almeno fino a quanto emerso finora, non sembrava aver problemi ma l’ipotesi privilegiata della polizia è al momento quella dell'omicidio-suicidio. L’uomo, il cinquantatreenne Kenneth Bartone, secondo una prima ricostruzione avrebbe ucciso in casa la moglie Denise e poi si sarebbe tolto la vita. Denise, secondo quanto si legge sui media americani, sarebbe stata accoltellata. Il cadavere dell’uomo è stato ritrovato, dopo ore di ricerche, in un fiume, il Raritan river, e la sua auto parcheggiata sul Thomas Edison Memorial Bridge.

Quando è stata uccisa la donna in casa erano presenti le sue tre figlie – Le tre figlie della coppia, tre ragazze tutte di età inferiore ai diciotto anni, non sono state ferite e momentaneamente sono state affidate ad alcuni familiari. Apparentemente al momento dell’omicidio della madre erano in casa, ma non avrebbero assistito al delitto. Gli inquirenti stanno indagando sul passato della coppia. A quanto emerso, Denise Bartone negli ultimi mesi aveva lavorato al Rutgers Food Innovation Center ed era stata la presidente della Freehold Township Education Foundation, organizzazione no profit creata per finanziare progetti nelle scuole della città americana. Chi la conosceva la descrive come una donna estroversa e adorabile e una madre amorevole, sempre impegnata a risolvere i problemi delle scuole della città.