Il Capo dello Stato Sergio Mattarella ha firmato il decreto legge su Genova: il commissario straordinario sarà Claudio Andrea Gemme, dirigente della Fincantieri, presidente della Gaslini onlus. Genovese di 70 anni, Gemme è un manager di lungo corso di Fincantieri – società che per il vice capo del Governo Luigi Di Maio dovrebbe ricostruire il ponte – ed è una figura che ha trovato consenso soprattutto nella Lega, che ha fatto pressioni affinché venisse affidato a lui un ruolo al quale il decreto emergenze attribuisce ampi poteri. Gemme è  stato coinvolto in prima persona dalla tragedia del crollo di Ponte Morandi: sua madre figura nella lista degli sfollati.

La firma da parte del Capo dello Stato è stata apposta oggi pomeriggio al Quirinale. Il testo era arrivato ieri mattina al Colle, ma il decreto legge nella forma definitiva predisposto per l'approvazione è arrivato al presidente della Repubblica alle 14.30 di oggi ed è stato sottoscritto da Mattarella alle 17. Il provvedimento ha quindi l'autorizzazione per essere trasmesso al Parlamento.

Questa sera è arrivato anche il nome del commissario, sul quale ci sarebbe la convergenza della maggioranza. Gemme è direttore di una divisione della Fincantieri e membro di Confindustria, il suo nome era trapelato anche come possibile candidato sindaco in alternativa a Marco Bucci. Quello di Claudio Andrea Gemme, indicato come commissario per la ricostruzione a Genova, è un curriculum importante. Nato nel capoluogo ligure il 27 maggio 1948 Gemme è dal novembre 2016 è Direttore della Divisione Systems & Components di Fincantieri. Laureato in Scienze Economiche e Politiche, dal 2002 Cavaliere della Repubblica, Gemme ricopre in Confindustria un incarico come membro dell'Advisory Board, Presidente del Gruppo Tecnico Industria e Ambiente, membro del Comitato per l'implementazione della riforma e definizione dei protocolli di aggregazione (Commissione Pesenti).