Il governo è pronto a stanziare 200 milioni di euro per gli aiuti alle regioni e alle zone pesantemente colpite  dalla violenta ondata di maltempo dei giorni scorsi. Ad annunciarlo nella serata di sabato è stato il Ministro dell'Interno Matteo Salvini con due post sui suoi profili facebook e twitter. "La devastazione a Belluno, la montagna senza più alberi. Mi si stringe il cuore" ha scritto il vicepremier postando un video delle immagini che rivelano la devastazione causata da nubifragi e tempeste di vento in Veneto. "Domani sarò sul posto" ha poi annunciato il leader leghista , aggiungendo: "Stiamo già cercando (e trovando) i primi 200 milioni di euro per aiutare le popolazioni colpite da questi disastri, dal Veneto alla Sicilia".

"Ho cambiato la mia agenda d'urgenza, domani sarò in Veneto, nelle province di Venezia e Belluno, insieme al governatore Zaia. Nel pomeriggio mi sposterò a Terracina, nel Lazio, devastata dalla tromba d'aria di lunedì scorso" ha poi chiarito Salvini che già nei giorni scorsi aveva annunciato la sua presenza nella città in provincia di Latina. "Abbiamo il dovere di omaggiare chi ha combattuto e perso la vita per difendere i confini e il nostro Paese” ha proseguito il Ministro in riferimento alle celebrazioni per i cent’anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale a cui era stato invitato a partecipare, concludendo: "Nello stesso tempo però abbiamo l'obbligo di rispondere velocemente alle richieste d'aiuto di chi, in questi giorni e in queste ore, sta soffrendo e ha perso affetti, casa e attività".

Nel pomeriggio la vicinanza delle autorità statali alle popolazioni del Veneto si è fatta sentire anche attraverso il presidente della Repubblica Sergio Mattarella che aveva telefonato al presidente della Regione Veneto Luca Zaia esprimendo dolore per quanto accaduto nelle valli del bellunese e in tante altre zone del Veneto. Esprimendo la propria vicinanza e solidarietà alla Regione e alle popolazioni colpite dalla violenza del maltempo, il Capo dello stato ha assicurato che seguirà personalmente la vicenda, affinché venga avviato rapidamente un piano di interventi per il recupero infrastrutturale, edilizio e ambientale