Gina Xibwama, una donna di 26 anni di Lenasia, a sud di Johannesburg (Sudafrica), ha raccontato di come il suo fidanzato l'avesse cosparsa di paraffina prima di darle fuoco durante un attacco di gelosia dopo averla accusata di tradimento.

I fatti risalgono a tre anni fa, ma è tornata sulle pagine delle cronache sudafricane in questi giorni perché i giudici devono decidere se assegnare a Sergio Zitha – questo il nome dell'ex compagno della donna – la libertà condizionale. L'uomo è accusato di tentato omicidio ed ha scontato gli ultimi tre anni in carcere, ma ha recentemente chiesto di essere liberato su pagamento di una cauzione.

Stando a quanto accertato Zitha avrebbe cercato di uccidere la fidanzata vedendola arrivare in ritardo a un matrimonio: "Era su tutte le furie, incontrollabile. Quando mi ha vista arrivare in ritardo ha strappato le tende di casa, le ha imbevute di paraffina e poi ha dato loro fuoco mentre mi riempiva di insulti e minacce. Poi me le ha gettate addosso". Infine l'uomo ha preteso che la donna gli consegnasse il telefono per controllare se avesse una relazione con qualcun altro. Gina Xibwama ha riportato gravissime ustioni in tutto il corpo e deve ancora subire interventi chirurgici di ricostruzione della pelle.