Quando ha deciso di compare casa, aprendo un mutuo con la banca, pensava che, pagando ogni mese la quota prevista, un giorno si sarebbe ritrovato con un'abitazione di proprietà di cui poter godere ma non aveva fatto i conti con una banda di furbetti che, approfittando della sua assenza, ha occupato abusivamente l'appartamento, costringendolo a vivere nel garage. È l'assurda storia di Juri Malini, un 41enne operaio bolognese, che a distanza di oltre sei mesi dal fatto, non riesce a rientrarne in possesso del bene e si è ritrovato a dover pagare il mutuo ogni mese pur vivendo in un garage di dieci metri quadrati senza neppure il riscaldamento. “Io dormo in un garage e loro dormono nella mia casa” ha denunciato l'uomo al resto del Carlino  che ha raccontato la sua storia.

“Hanno sfondato una finestra, cambiato le serrature e io, che sto continuando a pagare il mutuo, non posso rientrare in casa mia perché questa famiglia l’ha occupata e né i carabinieri, né il Comune di Bologna, né un’azione legale, dopo sette mesi dal fatto mi permettono di rientrare in possesso della mia casa" ha denunciato Malini. L'unica consolazione per il 41enne è che il Comune sta ora pagando l'affitto al proprietario in attesa della decisione della Procura sul caso. L'uomo infatti, per problemi personali, in precedenza aveva deciso di affidare l'appartamento in affitto al comune che lo ha utilizzato per l’accoglienza dei migranti. Quando doveva rientrarne in possesso però è scattato il blitz che ha portato all'occupazione dell'immobile .