Disoccupato rovista tra i rifiuti e trova un biglietto del gratta e vinci che vale 100mila euro. Il "vincitore per caso" è un pescatore di 50 anni che vive a Mola di Bari, un piccolo comune dell'area metropolitana di Bari in Puglia. A raccontare l'incredibile vicenda è la "Gazzetta del Mezzogiorno" nella sua versione digitale.

Secondo quanto si legge sul giornale pugliese,  l'uomo ha trovato il tagliando fortunato rovistando tra quelli gettati via dai giocatori. Tra le centinaia di biglietti "non vincenti" il pescatore ne ha trovato uno buttato via per errore. Una "abitudine", quella del 50enne, che gli è valsa una vincita altissima e del tutto inaspettata. L'episodio è avvenuto in un bar di una stazione di servizio di Via Bari.

Il 50enne, senza lavoro, ha iniziato la "caccia" nei cestini. Dopo diversi tentativi ha scovato un biglietto vincente: 100mila euro il suo valore. Il tagliando fortunato era stato gettato via da un giocatore sbadato che non avrebbe grattato bene tutti i numeri. Quando il pescatore si è reso conto di avere tra le mani un gratta e vinci di quel valore, non voleva crederci.

Secondo quanto racconta la Gazzetta sul suo sito web, non è la prima volta che il pescatore 50enne raccoglieva i tagliandi di altri giocatori per verificare se qualche biglietto non era stato "grattato" bene. Pare, infatti, che in altre occasioni questo suo "vizio" l'abbia portato a vincere in passato altre cifre, ben più basse di quelle di oggi. La notizia, manco a dirlo, sta facendo in queste ore il giro di tutti i siti web. È bene sempre ricordarlo però che chi gioca con i gratta e vinci e con gli altri sistemi di scommesse e lotterie deve farlo con moderazione.