A Barberino del Mugello, nel Fiorentino, un idraulico di quarantanove anni è stato arrestato dai Carabinieri per aver investito intenzionalmente con l’auto sua cognata. La donna, una pensionata di sessantacinque anni, è stata portata dai sanitari del 118 all'ospedale di Borgo San Lorenzo (Firenze). A quanto si apprende, ha riportato fratture multiple e contusioni ma fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita. A scatenare il folle gesto del parente sarebbero stati i ripetuti e continui dissapori familiari per alcune questioni legate all’eredità ma anche a una precedente attività commerciale gestita in comune tra i cognati. Dissapori che, secondo quanto accertato dai carabinieri, fino a oggi non erano mai sfociati in episodi di violenza. L'uomo arrestato, incensurato e residente nel comune toscano, è accusato del reato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi.

La donna travolta mentre camminava per strada – L'investimento sarebbe avvenuto intorno alle 10 di mercoledì mattina non lontano da casa della vittima, in via Vespucci. La donna stava camminando per strada quando il cognato si è lanciato contro di lei con un Ford Transit, di proprietà della sua ditta artigiana, colpendola frontalmente e facendola cadere a terra. In base a una prima ricostruzione, la pensionata si sarebbe salvata perché, dopo essere stata urtata dal veicolo, sarebbe finita in un punto parzialmente protetto da una ringhiera e quindi irraggiungibile dalla vettura guidata dal cognato. Dopo il fermo, l’idraulico è stato portato nel carcere di Solliciano.