Se dovesse capitare anche a voi di prendere una multa in Australia meglio che non facciate come un uomo vicentino di 61 anni, che probabilmente con l'idea di farla franca è tornato in Italia sperando che qui le autorità australiane non sarebbero mai riuscite a rintracciarlo. Come racconta Il Giornale di Vicenza, l'anziano sperava di farla franca partendo da Sydney senza saldare il suo debito con lo Stato, ma ha dovuto fare i conti con la determinazione delle forze dell'ordine australiane, che hanno avviato un'indagine lunga un anno e sono riuscite a recapitare la sanzione al furbetto, che ora si trova costretto a pagare 3.500 euro.

L'estate scorsa l'uomo si trovava in vacanza in Oceania, quando è stato multato per ben due volte per eccesso di velocità mentre era alla guida di un'auto presa a noleggio. Le multa ammontava a circa 370 euro, una cifra non bassa ma di sicuro alla portata del pensionato che avrebbe potuto saldare subito il conto. Le autorità lo avevano avvisato che era necessario pagare la multa prima di ripartire per l'Italia, ma l'uomo ha deciso di ignorare l'avvertimento. Dopo un anno di lavoro incessante le autorità – con l'aiuto del Ministero degli esteri – sono riuscite a scovare il vicentino e a recapitargli la sanzione. E oltre il danno la beffa: ora infatti la sanzione, con tutte le maggiorazioni, è stata decuplicata.