1384

condivisioni

CONDIVIDI
19 Giugno 2021 10:38

Ucciso per difendere la mamma dall’ex, diploma di Maturità per Mirko: “Abbiamo dato 100, è un eroe”

Diploma di Maturità con il massimo dei voti per Mirko Farci, il ventenne ucciso a Tortolì, in Sardegna, mentre tentava di difendere sua madre dalla furia di Masih Shahid, 29enne pakistano ed ex compagno della donna. A lui intitolata anche una targa nell'Istituto alberghiero Ianas dove il ragazzo studiava per diventare chef: "Gli abbiamo dato 100, perché avere salvato la vita della madre quanto può valere se non il massimo?".
A cura di Ida Artiaco
Mirko Farci (Facebook)
Mirko Farci (Facebook)

"Gli abbiamo dato 100, perché avere salvato la vita della madre quanto può valere se non il massimo?". Diploma di Maturità postumo, e con il massimo dei voti, per Mirko Farci, il ventenne ucciso a Tortolì, in Sardegna, mentre tentava di difendere sua madre dalla furia di Masih Shahid, 29enne pakistano ed ex compagno della donna. Durante una cerimonia in presenza del fratello Lorenzo, della zia, dei suoi compagni di classe, dei docenti e della commissione d'esame, l'Istituto alberghiero Ianas, gli ha infatti conferito il riconoscimento, che lui tanto aveva desiderato. La scuola, come riporta La Nuova Sardegna, ha deciso di organizzare la cerimonia proprio nel giorno in cui Mirko avrebbe dovuto conseguire il diploma di maturità. Inoltre, al giovane è stata anche intitolata una targa, in cui si legge: "A Mirko Farci, in ricordo del suo gesto, per noi una grande lezione di vita".

"Oggi è un giorno speciale per l’Istituto Ianas, si sono conclusi gli esami della V A cucina, la classe di Mirko Farci. Lui teneva alla scuola, ai suoi compagni e a raggiungere questo obbiettivo. Per questo il Dirigente Nanni Usai, con la Commissione presieduta dalla prof.ssa Francesca Cellamare hanno deciso di conferirgli il diploma ed intitolargli una targa, un segno d'affetto di tutta la comunità scolastica che ne celebra così, per sempre, l'estremo sacrificio – ha scritto in una nota il dirigente scolastico Gian Battista Usai, come riporta la stampa locale -. La toccante cerimonia, con la consegna della pergamena nelle mani della zia Stefania e del fratello Lorenzo, si è tenuta stamattina davanti alla platea commossa di tutti i suoi compagni di classe. Un segno di riconoscenza e un abbraccio simbolico di tutta la comunità a uno dei suoi figli più belli".

Mirko è stato ucciso all'inizio dello scorso mese di maggio da Masih Shahi, arrestato poco dopo l'omicidio. A causare la morte del ragazzo due coltellate profonde al torace, una delle quali ha perforato un polmone. Il ventenne aveva provato a difendere nella sua casa di Tortolì la mamma dall'aggressione dell'ex compagno facendole scudo con il proprio corpo, ma è stato colpito e per lui non c'è stato nulla da fare. La donna, invece, la 50enne Paola Piras, è stata ricoverata in ospedale di Lanusei dove si trova ancora ora nel reparto di Rianimazione.

Continua a leggere su Fanpage.it
Evan, ucciso di botte a 2 anni: rinviati a giudizio la mamma e l'ex compagno
Paola Piras fuori pericolo, per la donna accoltellata dall'ex ora la riabilitazione
Uccise il padre violento per difendere la madre, gli audio delle liti: "Se vado in galera poi esco"
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni