Immagine di archivio

Dramma sul lavoro nelle scorse ore in Basilicata dove un operaio è morto tragicamente dopo essere rimasto schiacciato dall’escavatore su cui stava lavorando un cantiere stradale a Potenza. Il dramma si è consumato nel primo pomeriggio di oggi, martedì 29 marzo nel territorio del comune di Brienza, in provincia di Potenza. La vittima dell’incidente su lavoro è Antonio Cavallucci, un operaio abruzzese di 58 anni che era in Basilicata con la sua ditta per lavorare sul cantiere della strada Tito Brienza. L’uomo lavorava per conto di un’impresa impegnata nei lavori del sesto lotto dell’arteria stradale lucana quando è avvenuta la tragedia.

Secondo una prima ricostruzione dell’accaduto, per motivi tutti ancora da accertare, l’operaio 58enne avrebbe perso il controllo del mezzo meccanico su cui stava operando per il movimento terra su terreno che sovrasta la strada. L’escavatore quindi sarebbe scivolato dal costone si sarebbe ribaltato scaraventandolo sull’asfalto sottostante e finendo infine per schiacciarlo dopo un volo di diversi metri. La tragedia nei pressi della Cappella della Madonna degli Angeli dove , come spiegano i sindacati, Antonio Cavallucci stava svolgendo dei lavori esterni alla galleria su un mezzo meccanico di cui  ha perso il controllo per via di un cedimento del terreno su cui stava lavorando.

Inulti per l’operaio 58enne i successivi soccorsi medici allertati dagli altri collegi che hanno assistito impotenti alla drammatica scena. Sul posto sono intervenute due squadre dei vigili del fuoco per estrarre l’uomo dal mezzo meccanico ma quando è stato affidato alle cure degli operatori del 118 per lui era ormai troppo tardi e i sanitari ne hanno potuto solo accertare il decesso. Sul caso indagano ora i carabinieri della stazione di Brienza.

A seguito dell’incidente mortale, i sindacati hanno proclamano per domani lo sciopero di 8 ore per turno su tutti i cantieri della Tito Brienza. Isegretari lucani di Fenal-Uil, Filca-Cisl e Fillea-Cgil, rispettivamente Carmine Lombardi, Michele La Torre e Michele Palma, hanno annunciano anche un’assemblea permanente dei lavoratori a partire dalle 9 di domani 31 marzo 2021 davanti all’ingresso del Campo Base a Brienza.