Arquà Polesine è sotto shock. Moreno Brancalion, 34 anni, fotografo di Arquà Polesine, è morto in un drammatico incidente avvenuto nella notte tra il 15 e il 16 settembre, in via Ponte dei Forti, la strada che dal quartiere di Rovigo di San Pio X conduce verso Roverdicrè. L’uomo è finito con la sua auto nel canale Adigetto che costeggia la strada. I soccorsi, giunti sul posto insieme agli agenti delle volanti e della Polizia stradale, sono riusciti ad estrarre Brancalion dall’abitacolo e a rianimarlo dopo le manovre durate almeno mezz’ora. Trasportato all’ospedale di Rovigo, il 34enne di Arquà è però deceduto al ‘Santa Maria della misericordia’ nella notte a causa di un arresto cardiaco. La dinamica esatta dei fatti è in fase di ricostruzione e, al momento, non vi sono certezze.

Nato e cresciuto ad Arquà Polesine, dove viveva attualmente, Moreno era un appassionato fotografo, aveva anche preso parte, a primavera, alla maratona fotografica di Costa di Rovigo. Così si presentava, sul portale dedicato a fotografi e fotoamatori. "Salve, sono un fotografo amatoriale da 7 anni. Attualmente per me è un secondo lavoro, ma punto a farlo diventare il mio mondo a 360°. Mi rendo disponibile per collaborazioni in tf in caso di esperienze interessanti, assistente e/o secondo fotografo. Amo la fotografia e la rispetto. Offro massima serietà e professionalità". Si definiva come una persona umile, ma molto amante del proprio lavoro.