2.057 CONDIVISIONI
Le notizie sul maltempo nelle Marche
24 Settembre 2022
10:53

Ritrovato morto il piccolo Mattia, il papà: “Mi sento come una statua di cristallo in frantumi”

Dopo il ritrovamento del corpo del piccolo Mattia Luconi, i familiari si sono chiusi nel dolore. Il papà: “Mi sento come una statua di cristallo in frantumi”
A cura di Gabriella Mazzeo
2.057 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Le notizie sul maltempo nelle Marche

"Speravo che non lo ritrovassero. Ora tutte le speranze sono finite. Mi sento come una statua di cristallo in frantumi". Sono state queste le prime parole di Tiziano Luconi, il papà del piccolo Mattia, il bimbo di 8 anni disperso nell'alluvione delle Marche il cui cadavere è stato ritrovato nella giornata di ieri, venerdì 23 settembre, nei pressi di un asilo nel Comune di Trecastelli.

"Ho pensato che il mio gnometto potesse essersi salvato salendo su un albero. Ho provato a credere nel miracolo" ha affermato Luconi con la voce rotta dal pianto poco dopo l'annuncio del ritrovamento del corpicino senza vita.

L'uomo ha partecipato alle ricerche insieme ai soccorritori per otto giorni. A lui si è unita presto la moglie Silvia Mereu, ricoverata in ospedale subito dopo l'alluvione per un principio di polmonite. Dopo essere stata dimessa, la 42enne è tornata sul luogo del disastro insieme ai familiari per continuare a cercare. La salma del bimbo però è stata trovata a circa 13 chilometri di distanza da Contrada Farneto, lì dove l'alluvione ha sorpreso mamma e figlio.

"Dopo una settimana così potete immaginare come stiamo: siamo devastati" ha scritto al quotidiano Il Corriere Adriatico Alessandro Fontana, cognato di Silvia Mereu. "Mia sorella non vuole parlare con nessuno, nemmeno con i genitori o con gli altri familiari" ha aggiunto Caterina Mereu chiedendo rispetto per lo strazio familiare. Per il dolore, Tiziano e Silvia non sono neppure riusciti a raggiungere il luogo del ritrovamento.

"Sono distrutto, non riuscirei a vederlo così – ha spiegato il papà di Mattia -. Mi sento come una statua di cristallo in frantumi. Il dolore mi annienta". Ad attendere questa famiglia, ora, l'ultimo straziante atto da compiere: il riconoscimento formale del loro piccolo. Per confermarne l'identità, però, servirà comunque il test del Dna che potrebbe essere eseguito già oggi presso l'obitorio di Senigallia.

Il dubbio è solo teorico: il suo corpicino, infatti, è stato riconosciuto grazie alla maglietta gialla e verde che aveva indosso la sera della scomparsa.

2.057 CONDIVISIONI
56 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni