Raffaele Gabriele Staurino (Foto: Davide Arcuri – Fanpage.it)
in foto: Raffaele Gabriele Staurino (Foto: Davide Arcuri – Fanpage.it)

"Ho fatto una scommessa con me stesso e l'ho vinta. È stata dura, ma ne è valsa la pena". Magari non avrà fatto buca al primo colpo Raffaele Gabriele Staurino, un 51enne di Valenza, in provincia di Alessandria, che dopo un brutto incidente stradale ha ritrovato la voglia di rimettersi in gioco con il golf. Ma gli allenamenti costanti e le gare lo hanno portato piano piano a capire che la strada intrapresa 23 anni fa per una scommessa era quella giusta. E adesso Raffaele sta bene con se stesso ed è felice: "Il golf è una cosa bellissima – dice a Fanpage.it che lo ha accompagnato in uno dei suoi allenamenti sul green del "Golf la Serra" di Valenza – cammino molto, muovo il braccio, sto con della gente e parlo molto".

A 14 anni un brutto incidente: poi la rinascita anche grazie al golf

A 14 anni Raffaele è rimasto coinvolto in un brutto incidente in moto che lo ha fatto finire in coma per due mesi e gli ha lasciato conseguenze permanenti, tra cui un'emiparesi. Dopo una lunga riabilitazione ha iniziato a giocare a golf. "L'ho scoperto tramite mio padre, che era un golfista", spiega a Fanpage.it. Raffaele ha purtroppo perso il padre 13 anni fa, ma il ricordo del genitore vive anche attraverso la passione che gli ha tramandato: "Quando ho iniziato a giocare ho fatto una scommessa con me stesso e l'ho vinta. È stata dura, ma ne è valsa la pena".

Il golf ti aiuta, ti concentri e socializzi

Adesso sono ormai 23 anni che Raffaele gioca a golf: ne conosce i vari segreti, la terminologia – dal drive, la mazza per fare il tiro principale, al tee che sorregge la pallina nel prato -, ne apprezza ogni aspetto: "Il golf ti aiuta secondo me, ti concentri molto, io quando gioco a golf penso alla pallina e non penso ad altro". Ma stare sul prato assieme agli altri giocatori è anche fonte di socializzazione: "Ho scoperto che mi dà concentrazione. Quando fai gare socializzi con molte persone e questa cosa per me è uno stimolo". Il golf lo aiuta a "pensare alle belle cose" e non a quelle brutte, ed è anche per questo motivo che Raffaele non ha dubbi a consigliarlo agli altri: "Le persone con disabilità potrebbero provare questo bellissimo sport", è il suo appello finale, mentre tutto compiaciuto si gira sorridente e ci dice: "Visto che bel colpo che ho fatto?".

(Ha collaborato Davide Arcuri)