Dopo giorni estremamente complicati e condizioni meteo proibitive che hanno provocato danni e allagamenti il maltempo darà una tregua parziale e temporanea: per domani, martedì 26 novembre, è prevista infatti una giornata discreta, generalmente priva di piogge a parte l'Emilia Romagna e parte della Lombardia, dove la Protezione Civile ha diramato l'allerta rossa per lo stato dei fiumi. Già mercoledì, tuttavia, una nuova rapida perturbazione (la decima del mese) raggiungerà l’Italia, riportando precipitazioni copiose su gran parte del Nord e regioni tirreniche, con nevicate sulle zone alpine. Successivamente l’Italia rimarrà interessata da correnti occidentali, sempre miti e relativamente umide, con qualche pioggia tra giovedì e venerdì che insisterà più che altro sulle regioni del versante tirrenico, mentre in Valpadana i fastidi arriveranno soprattutto dalle nebbie di inizio giornata.

Previsioni meteo 26 novembre

Quella di domani, martedì 26 novembre, sarà una giornata caratterizzata  da alternanza tra nubi e cielo sereno al Nord e sulle estreme regioni del sud, con qualche piovasco residuo solo al mattino su Calabria e Sicilia Settentrionale. A inizio giornata un po’ di nebbie sulle pianure del Nord, specie lungo il corso del Po. Nel pomeriggio tuttavia ci sarà un deciso peggioramento del tempo e in serata sono attese piogge sparse su tutto il Nord-Ovest e in Toscana. Temperature massime in lieve calo al Nord e sulle regioni centrali tirreniche; in lieve aumento invece al Sud e nelle Isole. Venti nord-occidentali fino a localmente moderati su medio e basso versante adriatico, Ionio e Isole.

Previsioni meteo per mercoledì

Dopodomani il tempo sarà sereno all'estremo Sud. Molte nuvole sul resto d’Italia: piogge sparse su tutto il Nord, Toscana, Umbria, Lazio, Campania e Calabria tirrenica, con neve sulle zone alpine oltre 1500-1600 metri; in serata graduale esaurimento delle precipitazioni al Nord, dove però si formeranno delle nebbie, per lo più a banchi. Temperature massime in calo al Nord e regioni tirreniche.