video suggerito
video suggerito
Matteo Messina Denaro

Prestò l’identità a Matteo Messina Denaro, condannato a 14 anni Andrea Bonafede

Andrea Bonafede, il geometra di Campobello di Mazara che ha prestato l’identità al boss di Cosa Nostra Matteo Messina Denaro, è stato condannato a 14 anni di carcere.
A cura di Davide Falcioni
1 CONDIVISIONI
Il vero Bonafede e Messina Denaro
Il vero Bonafede e Messina Denaro
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Il gup di Palermo ha condannato a 14 anni di carcere Andrea Bonafede, il geometra di Campobello di Mazara che ha prestato l'identità a Matteo Messina Denaro, l'ex boss di Cosa Nostra arrestato il 16 gennaio 2023 nei pressi di una clinica privata di Palermo e morto di cancro il 25 settembre dello stesso anno a L'Aquila, dov'era detenuto. Bonafede era imputato di associazione mafiosa e concorso in falso. L'accusa era rappresentata dai pm Gianluca De Leo e Piero Padova.

Il ruolo di Bonafede, nipote dello storico boss Leonardo Bonafede, è emerso durante le indagini che hanno portato alla cattura del padrino. I carabinieri del Ros, che scoprirono che Messina Denaro era in cura per un cancro, accertarono che per le terapie usava l'identità del geometra di cui aveva falsificato i documenti. Bonafede venne arrestato pochi giorni dopo la cattura del boss. E si accertò che sia l'ultimo appartamento in cui il capomafia viveva a Campobello, sia l'auto che usava per spostarsi erano stati comprati con i falsi documenti intestati all'imputato.

Nel corso delle indagini la posizione del geometra si è aggravata. Dagli elementi raccolti dai magistrati, infatti, è emerso che Bonafede era a disposizione del capomafia da ben prima del suo arresto. La Procura, indagando su un altro prestanome dell'ex latitante, l'architetto Massimo Gentile, che avrebbe ceduto la propria identità al boss per comprare un'auto nel 2014, ha scoperto che il veicolo, nel 2017, venne intestato alla madre di Bonafede, segno che tra il geometra e il padrino c'erano rapporti già allora. Ma non solo: la prima casa di Campobello di Mazara in cui Messina Denaro ha vissuto venne affittata a nome di Andrea Bonafede nel 2007. Con la sentenza di oggi salgono a cinque i personaggi vicini a Messina Denaro condannati.

Oggi la Procura, in un separato processo, ha chiesto la condanna a 15 anni anche per la cugina del geometra, Laura Bonafede, amante storica del capomafia. La donna, figlia dello storico boss del paese, Leonardo, è accusata di associazione mafiosa.

Laura Bonafede
Laura Bonafede

All'imputata, arrestata ad aprile del 2023, inizialmente era stato contestato il reato di favoreggiamento aggravato, modificato nel corso delle indagini in quello di associazione mafiosa. La maestra è cugina di Andrea Bonafede, il geometra che ha prestato l'identità al capo mafia durante l'ultima fase della latitanza e di altri due favoreggiatori del padrino, Emanuele e Andrea (omonimo del geometra). Secondo la Procura di Palermo, l'imputata sarebbe stata un pezzo fondamentale del meccanismo che per 30 anni ha protetto la latitanza di Messina Denaro.

I due, insieme alla figlia della donna, Martina Gentile, ai domiciliari per favoreggiamento e procurata inosservanza della pena, avrebbero vissuto insieme e si sarebbero comunque sempre frequentati. "Eravamo una famiglia", scriveva il boss in un pizzino diretto a Blu, uno dei nomi in codice usati per la maestra. Lei si occupava del sostentamento e della sicurezza del capo mafioso, facendogli la spesa durante la pandemia nel timore che si ammalasse e non potesse uscire di casa, condivideva con lui linguaggi cifrati, segretissimi pizzini, affari e informazioni sulla cosca.

1 CONDIVISIONI
380 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views