Il Ministero della salute ha lanciato in queste ore un nuovo avviso di ritiro dal mercato di prodotti alimentari attraverso il proprio portale dedicato agli avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori. Questa volta l'allerta riguarda alcuni lotti di mais per pop corn venduto in buste da 500 grammi ciascuna a causa di un possibile rischio chimico per i consumatori. Nel dettaglio, l'avviso di richiamo interessa alcune confezioni di mais per pop corn vendute a marchio "Cerreto Amanti del Biologico", e prodotte dalla ditta Cerreto s.r.l. con sede e stabilimento in via Verdi a Grattatico, in provincia di Reggio Emilia. I lotti del prodotto indicato e interessati dal richiamo sono nove, ecco i numeri: L.19B0115, L.19B0236, L.19B0322, L.19B0426, L.19B0606, L.19B0812, L.19B0885, L.19B1056, L.19B1128

Come recita l'avviso di richiamo del Ministero della salute, datato 27 giugno 2019, il richiamo si è reso necessario dopo che in fase di ricontrollo del prodotto indicato è stata riscontrata nei lotti indicati la presenza di Aflatossina B1 e Aflatossine totali superiori ai requisiti di legge vigenti. Si tratta di micotossine prodotte da un fungo che si trova soprattutto in zone caratterizzate da clima caldo e umido. Il produttore ha già provveduto a richiamare dai negozi i lotti sopra indicati ma, come sempre in caso di ritiro di alimenti dagli scaffali dei negozi, si invitano i consumatori che avessero già acquistato le confezioni di pop corn e siano quindi in possesso di uno dei lotti indicati, di non consumare il prodotto ma di riportarlo al punto vendita di acquisto.

Per lo stesso motivo ritirati dal mercato anche alcuni lotti di mais per Pop corn prodotti dalla stessa ditta Cerreto s.r.l. ma venduti con marchio Carrefour Bio nei negozi della grande catena di distribuzione. In questo caso i lotti richiamati sono sei, ecco i numeri:  18B1936, 182249, 19B0116, 19B0339, 19B0635, 19B1026

Come spiega l'Efsa, l'Autorità europea per la sicurezza alimentare, poiché le aflatossine sono note per le loro proprietà genotossiche e cancerogene, l'esposizione del consumatore tramite gli alimenti deve essere mantenuta quanto più bassa possibile. Le aflatossine possono essere presenti in prodotti alimentari come arachidi, frutta a guscio, granoturco, riso, fichi e altra frutta secca, spezie, oli vegetali grezzi e semi di cacao, a seguito di contaminazioni fungine avvenute prima e dopo la raccolta. In natura esistono diversi tipi di aflatossine. L'aflatossina B1 è la più diffusa nei prodotti alimentari ed è una delle più potenti in termini di genotossicità e cancerogenicità.

L'azienda: "Valori solo leggermente superiori ai limiti. Prodotti sempre controllati"

L'azienda Cerreto Amanti del Biologico rende noto che come d’obbligo aveva "preventivamente effettuato i controlli a campione più volte attraverso un laboratorio esterno". "Cerreto infatti, si impegna quotidianamente per garantire la qualità dei propri prodotti e la sicurezza dei consumatori, per questo motivo effettua ogni giorno numerose analisi, che pubblica sul sito http://qualitacontrollata.cerretosrl.it/ con l’obiettivo di essere trasparente al 100%. Inoltre, per facilitare il reperimento di informazioni sui parametri delle analisi ha inserito un QR code sull’imballo di ciascun prodotto.

Nessun prodotto lascia lo stabilimento prima che i laboratori esterni abbiano effettuato tutte le analisi e ne confermino la conformità. I controlli effettuati a campionatura consentono di verificare scrupolosamente i lotti di materia prima, ma raramente può succedere che una parte del lotto non sia uniforme e presenti dei valori leggermente più alti della media del lotto stesso. In questi rari casi si procede con il richiamo preventivo del lotto per tutelare pienamente la salute del consumatore ed essere totalmente coerenti con la mission aziendale: mettere a disposizione dei consumatori solo prodotti di altissima qualità.

In questo caso specifico, Cerreto Amanti del Biologico ha provveduto a rieffettuare i controlli da cui emerge che i valori medi ottenuto sono conformi per le aflatossine Totali e leggermente superiori ai limiti di legge per l’aflatossina B1. L’Azienda tiene a rassicurare il consumatore informandolo che si tratta di quantità di sostanze minime o molto basse e che i limiti posti dall’EFSA (European Food Safety Authority) sono basati su valutazioni estremamente cautelative.

Cerreto Amanti del Biologico, in continuo contatto con l’ASL locale, ha già provveduto a richiamare dai negozi i lotti. Nel caso in cui il prodotto fosse già stato acquistato, si può restituirlo al punto vendita che provvederà al relativo rimborso.