Il ministero della Salute ha annunciato l'immediato richiamo dal mercato italiano di un lotto di pesce spada surgelato per un possibile rischio chimico per i consumatori, come recita l'avviso pubblicato venerdì sul portale del Ministero dedicato agli avvisi di sicurezza e ai richiami di prodotti alimentari da parte degli operatori, il richiamo è stato disposto a causa della possibile presenza di mercurio nel pesce oltre i limiti di legge consentiti. Nel dettaglio, il prodotto interessato è un lotto di trance di pesce spada surgelato commercializzato a marchio Acquario.

Come spiega l'avviso di richiamo, datato 14 ottobre, il pesce spada interessato dal provvedimento è venduto in trance confezionate singolarmente e distribuite in cartoni dal peso netto di 6,4 kg ciascuno. Il prodotto ha numero di lotto 2007297598 mentre il termine minimo di conservazione è fissato al  27 gennaio 2022. Le trance di pesce spada richiamate sono state prodotte per la ditta Acquario Snc con sede a Ciampino , Roma, dall’azienda Brasmar Comercio de Produtos Alimentares SA, nello stabilimento di Avenida Ferreira de Castro 73 a Guidões, Trofa, in Portogallo (marchio di identificazione PT 1356PP CE).

Come spiega lo stesso produttore, il richiamo del pesce spada surgelato è stato disposto in via precauzionale dopo la constatazione di presenza di mercurio in alcuni tranci rilevata durante alcune analisi periodiche in autocontrollo che normalmente vengono effettuate sui prodotti a campione. Come sempre in questi casi, a chi avesse già acquistato il prodotto interessato dal richiamo va la raccomandazione a non consumare il pesce spada con il numero di lotto segnalato e a restituirlo al punto vendita d’acquisto.