Spari, sangue e paura nelle scorse ore nel Palermitano dove un uomo è stato raggiunto da diversi colpi d'arma da fuoco mentre era in strada nel territorio del comune di Belmonte Mezzagno. È stato proprio lui a raccontare ai medici del pronto soccorso di essere stato vittima di un vero e proprio agguato. Il bersaglio degli assalitori, il 45enne G.B., infatti sarebbe riuscito a raggiungere autonomamente l'ospedale Civico di Palermo al volante della sua stessa auto e a raccontare tutto prima di essere sottoposto alle cure necessarie tra cui un intervento chirurgico. L'uomo si è presentato ai dottori con una profonda ferita al costato e, nonostante il dolore, non ha perso conoscenza ma ha fornito le proprie generalità e fatto un breve resoconto dell'accaduto al personale sanitario. I medici hanno poi allertato i carabinieri che sono intervenuti sul posto e ora indagano sull'agguato.

Stando al racconto del 45enne, mentre era in auto nel tardo pomeriggio di oggi, lunedì 2 dicembre, sarebbe stato avvicinato da sconosciuti in moto e col volto completamente coperto dal casco che avrebbero aperto il fuoco contro di lui all'ingresso del centro abitato, nella zona di via John Kennedy. Almeno un proiettile è andato a segno ferendolo. Dopo essere stato stabilizzato in pronto soccorso, il quarantacinquenne è stato trasferito in sala operatoria e sottoposto a un intervento chirurgico. Le sue condizioni sarebbero stabili e non sarebbe in pericolo di vita. Sul caso indagano ora i carabinieri che stanno cercando di inquadrare l'agguato che sembra in chiaro stile mafioso ed è avvenuto in un territorio dove nell’ultimo anno sono già stati diversi episodi analoghi. L’auto è stata sequestrata e la scientifica sta effettuando i rilievi a caccia di altri proiettili ed elementi di indagine.