È stato trasferito in codice rosso all'ospedale di Pescara uno studente di 16 anni di Guardiagrele, in provincia di Chieti, che ha battuto la testa durante l'ora di educazione fisica a scuola. È successo intorno alle 09:30 di questa mattina, giovedì 23 maggio, nell'istituto scolastico che si trova in via Grele. Stando ad una prima ricostruzione dei fatti, il ragazzo si stava allenando quando ha improvvisamente picchiato la testa con violenza dopo uno scontro davanti agli occhi dei compagni di classe e del professore di ginnastica. Subito allertati i soccorsi, è stato trasferito d'urgenza al pronto soccorso del Santo Spirito in elisoccorso, mentre era ancora cosciente, gli è stato diagnosticato un trauma cranico commotivo.

Sono in corso indagini per fare luce su quanto successo e ricostruire l'esatta dinamica dei fatti. Secondo quanto si è appreso da alcune testimonianze, riportate dalla stampa locale, lo studente si sarebbe fatto male giocando a calcetto. Avrebbe provato a fare una rovesciata ma senza successo, finendo col battere la testa a terra. Avrebbe cioè fatto tutto da solo. Intanto, sono ancora in corso gli accertamenti medici per avere una diagnosi precisa dell'infortunio.