Orrore nelle scorse ore lungo le coste della provincia di Ragusa: il cadavere di una persona orrendamente mutilato e in avanzato stato di decomposizione è stato rinvenuto su una spiaggia nel territorio del comune di Vittoria. La macabra scoperta è avvenuta nella tarda mattinata di oggi, poco prima di  mezzogiorno di venerdì 15 novembre, sulla spiaggia di Riviera Lanterna, nella zona del Faro in località Scoglitti, frazione marinara di Vittoria che si trova sulla costa del golfo di Gela. A rinvenire il corpo sarebbe stato un passante che portava a spasso il cane in spiaggia e si è accorto subito del cadavere avvertendo immediatamente le forze dell'ordine con una chiamata al numero di emergenza.

Sul luogo del ritrovamento sono accorsi subito i carabinieri, seguiti a breve distanza dai militari della Capitaneria di Porto di Pozzallo, competenti per territorio. Sul luogo dell'accaduto anche reparti scientifici e il medico legale per un primo esame esterno del corpo. Secondo le primissime informazioni, al cadavere mancherebbero parte degli arti. Visto l'avanzato stato di decomposizione, si presume che il cadavere sia rimasto in mare a lungo. Difficile dunque al momento risalire all’identità della vittima, identificata però dai primi rilievi sul posto come una donna. Una prima ipotesi, tutta ancora da confermare, è che possa trattarsi di un migrante annegato in mare e trascinato poi a riva dalle forti correnti marine. Del caso si occupano ora gli uomini della Capitaneria di porto che hanno avviato le indagini e informato il pm di turno. Il magistrato ha già disposto il trasferimento all'obitorio del cimitero di Vittoria